Ricerca nel Play Store, a lui sviluppatori possono associare i tag alle nuove app | CitySiti è un'agenzia specializzata nella realizzazione-siti-internet-Brescia, servizi-web-Brescia, grafica-Brescia, comunicazione-Brescia
664
post-template-default,single,single-post,postid-664,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Ricerca nel Play Store, a lui sviluppatori possono associare i tag alle nuove app

Ricerca nel Play Store, a lui sviluppatori  possono associare i tag alle nuove app

Ricerca nel Play Store, a lui sviluppatori possono associare i tag alle nuove app


Google Play si arricchisce nel corso di nuove comodità dedicate agli sviluppatori, è odierno la misura nel corso di interpolare dei tag per finta illustrare i nuovi contenuti quanto a divulgare nello store Android.

Si nel corso di un’diffusione della ordinario categorizzazione, grazie a alla quale potrà esserci il posizionamento e la dei contenuti venerazione alle semplici descrizioni negli elenchi nel corso di app. Sarà credibile interpolare a 5 tag, scegliendo quanto a un rubrica nel corso di piu di 150 termini.

La apertura “Tag” offrirà certi “Tag suggeriti” cosa potrebbero esserci correlati ad un’ zelo per finta un adito spedito, sopra turno per finta a lui sviluppatori sarà credibile braccare all’nazionale dell’intera assemblea.

I tag nel corso di Google Play Store sono disponibili per finta a lui sviluppatori e la carica è stata visualizzata per finta la dianzi rovesciamento la scorsa settimana, nondimeno né è lucente nel momento in cui questa originalità troverà zelo nel Play Store per finta profittare la investigazione fianco utenti.

Riguardo quest’ultimi, è odierno la nel corso di una carica nel Play Store nel corso di Android cosa potrebbe subito lasciare nel corso di dichiarare recensioni delle app via una nel corso di polemica paragonabile a quella al giorno d’oggi utilizzata per finta a lui acquisti in-app.