Steam vs. UE: Valve pronta a combattere l'critica durante geo-blocking | CitySiti è un'agenzia specializzata nella realizzazione-siti-internet-Brescia, servizi-web-Brescia, grafica-Brescia, comunicazione-Brescia
1019
post-template-default,single,single-post,postid-1019,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Steam vs. UE: Valve pronta a combattere l’critica durante geo-blocking

Steam vs. UE: Valve pronta a combattere l'critica durante geo-blocking

Steam vs. UE: Valve pronta a combattere l’critica durante geo-blocking


Valve e altri 5 publisher sono stati accusati nel 2017 dalla Commissione Europea durante aver ambasciatore con operazione pratiche commerciali scorrette mediante la esercitazione del geo-blocking all’ del band dei 28 Paesi appartenenti all’Unione | Geoblocking separazione: presente con UE l’e-commerce è volontario |.

Questo varietà durante chiusura impedisce ai giocatori durante potersi migliorare dei prezzi inferiori applicati con certi mercati europei, dal batter d’occhio quale i codici ottenuti con questo maniera risultano inutilizzabili su un account registrato con un Paese discrepante durante spesa. La Commissione ha ambasciatore nel mirino Valve, Bandai Namco, Capcom, Focus Home, Koch Media e ZeniMax; durante questi solamente Valve ha esperto durante combattere le accuse, nel tempo in cui a lui altri 5 publisher hanno risoluto durante mercanteggiare con permuta durante una diminuzione del 10% della sanzione.

Stando a nella misura che riportato dalle fonti durante Reuters, sembra quale Valve né intenda adottare queste accuse, con nella misura che ritiene durante aver rimosso i blocchi regionali con Europa nel 2015 e quale solamente il 3% della sua scaffale Steam periodo partecipe questa esercitazione. Valve subito cercherà durante riportare un’audizione a porte chiuse, con maniera parafrasare le sue ragioni alla Commissione e ai rappresentati dell’Antitrust dei Paesi dell’Unione.

Ricordiamo quale le multe assegnate dalla Commissione Europea possono sfiorare sino al 10% del stazza d’affari delle aziende condannate.