NASA: un guanto "smart" per fortuna a lei astronauti, pu guidare droni per mezzo di un impresa | Web Agency Brescia
3617
post-template-default,single,single-post,postid-3617,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

NASA: un guanto “smart” per fortuna a lei astronauti, pu guidare droni per mezzo di un impresa

NASA: un guanto "smart" per fortuna a lei astronauti, pu guidare droni per mezzo di un impresa

NASA: un guanto “smart” per fortuna a lei astronauti, pu guidare droni per mezzo di un impresa


I ricercatori della NASA, mucchio ai colleghi dell’Istituto SETI ( i quali sta per fortuna Search for Extra-Terrestrial Intelligence), stanno lavorando per fortuna aggiudicare una manipolo agli astronauti i quali con un avvenire per tutta la vita più o meno immediato esploreranno nuovi mondi.

“Una mano”, stavolta, è intento nel spontaneo sensibilità del espressione: a lei studiosi hanno ampliato un guanto “smart” i quali permetterà agli astronauti che dominare robot, e con particolar genere droni, riconoscenza ai soli movimenti che una manipolo. Una tecnologia i quali potrebbe fra non molto sopraggiungere integrata nelle nuove tute spaziali progettate dall’filiale spaziale statunitense, assecondando il forte preghiera dell’quondam astronauta Sandra Magnus ad su questo sostanza.

L’innovazione è stata consuntivo probabile per mezzo di un micro-controller, i quali riceve i segnali provenienti per mezzo di una divisione che sensori con tasso che riscontrare i movimenti più o meno fini che mani e dita. Il guanto smart è di conseguenza un esempio che interfaccia uomo-macchina i quali permetterebbe che innalzare tanto le operazioni che , liberando le mani degli astronauti nel tempo in cui si avventurano alla perlustrazione dei pianeti permettendogli che interagire per mezzo di l’vano con modo più o meno intuitiva.

La tecnologia è stata estremità qualche fare il buono e il cattivo tempo fa sull’isola che Devon, appartenente all’Arcipelago freddissimo canadese, nel terra che Nunavut: unico dei luoghi sulla Terra i quali più o meno richiamano i paesaggi marziani. Per la cura, il guanto è condizione realizzato per mezzo di Ntention, start up guidata per mezzo di un raggruppamento che studenti dell’Università della Scienza e della Tecnologia che Trondheim, con Norvegia, ed secolo stata all’inizio pensato per fortuna dominare i droni sulla Terra.

L’idea arricchisce l’non reale delle future esplorazioni spaziali: ai comandi degli astronauti potranno tipi che macchine, tra noi robot e droni, i quali permetteranno che sottoporre ad analisi i territori con modo innovativa, raccogliendo campioni, scattando fotografie e registrando televisione; il oltremodo, rispondendo a qualche piano impresa.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.