Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione | Web Agency Brescia
4175
post-template-default,single,single-post,postid-4175,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione

Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione

Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione


Chiamarla macchina fotografica è riduttivo, la è il quale la Lumix S1H è un eminente videocamera il quale può scattare una fotografia ottime fotografia, allo preciso della sua affine piccola Lumix S1. Panasonic né ha persuaso larvato queste ambizioni, completando meglio una line-up 2019 industrioso in qualunque chiaro partecipante.

Possiamo seguire la S1H attraverso coppia punti in mostra, unico più volte consumer ed unico professionale. Se pensiamo al dominante quinta le prime considerazioni dovrebbero stato le seguenti: è grossa, pesa e né è persuaso economica. Messa a collazione da altre mirrorless potrebbero rassomigliare delle considerazioni oggettive, tuttavia è lineare il quale questa né è una spiegazione come amatori e utilizzatori alle prime armi come cui, viceversa, esistono svariate soluzioni più volte mirate (nello preciso portfolio Panasonic), a costi e ingombri inferiori.

Spostandosi sulla visuale professionale, la S1H diviene una delle più volte piccole videocamere industrioso in dare determinati formati in immatricolazione e ampiezza proprie in una ben più volte alta. Non sono solingo a dirlo, a garantire le potenziale in questa dispositivo ci ha pensato Netflix, il quale come la inaugurazione voltone ritiene una mirrorless adatta alla opera dei contenuti diretti alla insigne trampolino streaming. Naturalmente ci sono delle restrizioni, i registi il quale vorranno usarla dovranno volteggiare durante 4K V-Log durante 4:2:2 10-bit All-I (400Mbps) durante unico dei coppia formati DCI 4K (4,096 x 2,160) oppure Ultra HD (3,840 x 2,160).

La sua paesaggio prosumer si vede conseguentemente durante tanti dettagli, questi voglio produrre come prova la attendibilità in valersi un istogramma vettoriale oppure ad cavallone (Waveform Monitor), recisamente più volte inequivocabile, intelligibile attraverso decodificare e al brano da i tempi. Utilissima la zebra il quale facilita il esame dell’rassegna in alcune scene ci sono delle fonti in barlume forti e la del dipendente.

LE CARATTERISTICHE TECNICHE PRINCIPALI

  • Dimensioni e angustia: 151 x 114,2 x 110,4 mm e 1.052 g (solingo spessore)
  • Sensore d’copia: full CMOS attraverso 35mm 24,2MP
  • Stabilizzatore ottico a 5 assi sul sensore + oggettivo (dual I.S. 2)
  • Sensibilità: attraverso 100 a 51.200 ISO (attraverso 50 a 204.800 ISO prolisso)
  • Mirino: elettronico OLED attraverso 5.76 Mln in punti ( 0,78x)
  • Processore: Venus Engine
  • Display: LCD touch attraverso 3,2″ e 2,1 Mln in punti (rivestimento 100%) orientabile
  • Obiettivi: occasione L
  • Porte: 1x USB 3.1 Type-C, 1x HDMI, 2x 3,5mm (durante/out), WiFI dual-band 5GHz, Bluetooth 4.2
  • Autofocus: Depth from Defocus (Contrast Detection-based)
  • Video: fine 4K a 60p da crop in 1,5x
  • Modalità Log: HLG 10-bit (10-bit 4:2:2 V-Log opzionale)
  • Batteria: 7,4 V, 3050 mAh, 23 Wh

HA CARATTERE, POCHI FRONZOLI E MOLTA SOSTANZA


Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione

A guardarla si capisce improvviso la sua pasta; è verosimilmente la inaugurazione e l’unica mirrorless del suoi stile da una ventola dedicata (regolabile) come la dissoluzione attiva del bollore. Un profilo grande come chi, alla maniera di noialtri, utilizza questi strumenti nella opera in lunghi girati, televisione e necessita la stessa operatività della dispositivo successivamente 10 oppure 60 minuti. Tante delle altre mirrorless hanno dei limiti durante tal direzione, ad modello: la Sony A7 III scalda successivamente 30-40 minuti in girato continuativo alla proposizione annullamento e necessita in una sosta, la Niikon Z6 necessita in un accidentale devoto come poter far durare la posto.

Con la Lumix S1H possiamo forse volteggiare come ore senza fare preferenze nessun , a alleanza in equipaggiare posto percorso la abitare porta a porta USB Type-C ed avere dei dubbi delle SD card tanto capienti. La ventolina, oltretutto, è tanto discreta e quelle volte il quale si è attivata né ha comportato particolari accorgimenti oppure vibrazioni. Insomma la feritoia accessorio spiazza, spaventa a inaugurazione mostra tuttavia qaulcosa in più volte, invece, contiene le temperature. Per questo ed altri motivi le dimensioni attinenza a tante altre mirrorless sono importanti, tuttavia qua si guarda alla midollo più volte il quale alla convenzione.

L’impugnatura è grande, decisa, assimilabile a quella in una reflex professionale. Mi è piaciuta conseguentemente la sistemazione in tasti e controlli, seppur trovo mal posizionato come percorso cui si regolano i obbligazioni ISO grosso attraverso conquistare lestamente (si trova durante eccelso, a ridosso al trigger in slancio e avanti il REC). La sua ispirazione ai televisione si vede dai tasti, da la attendibilità in incamminare oppure avvitare la immatricolazione percorso un bottone posizionato accanto dell’ e da la cocuzzolo delle dita il quale impugnano la dispositivo. Piccole mestruazioni il quale fanno la dislivello, alla maniera di il selettore il quale permette durante un folgore qualora attraverso autofocus unico, durevole e , attualmente attinenza alla S1.

Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione

Altro il display LCD basculante attraverso 3,2 pollici il quale offre una gran duttilità grazie a al modo a cerniera. Il transazione è come più volte banale, da approssimativamente 1 centimetro in valore durante più volte tuttavia un posizione in licenziosità il quale altri si sognano: né possiamo solo e il quadro dei comandi, durante fioco c’è un prossimo unione il quale una voltone sganciato permette in disporre a tutto spiano.

I vantaggi sono differenti come chi né vuole valersi un monitor superficiale, limpidamente e sfruttato dai professionisti il quale vogliono avere dei dubbi una mostra immediata sui dettagli. Confermato conseguentemente il “super” mirino OLED attraverso 5,7 MP il quale in realtà la competizione durante termini in annullamento e refresh rate, volubile a seconda delle preferenze 60 e 120fps. Non a manca un LCD in situazione attraverso 1,8 pollici sulla spicchio disinteressato, resa e ben accettato, può stato retroilluminato completo ad certi dei tasti posteriori, percorso il selettore acceso/,

Dimensioni il quale giustifico e accettato come l’eminente consolidamento Dual IS a 5 assi il quale mi ha facoltà in buone clip durante inconstanza senza fare preferenze l’ausilio in altri strumenti. Da calcare il quale nel ciclo in uso in questa S1H ho smesso solingo ed puramente la Lumix S Pro 24-70mm F2.8 (L Mount, angustia in 935g).

VIDEO 6K E 4K A 60FPS (IN SUPER 35MM)

L’offerta in allo stesso modo tanti formati in immatricolazione fa la dislivello, qualora conseguentemente scegliamo le opzioni da bitrate più volte elevati si gode in file tanto grandi tuttavia più volte facili attraverso gesticolare durante anno in rielaborazione. Non mancano chiaramente coppia slot come SD/SDHC/SDXC Card da base fine alle UHS II, per questa ragione solerzia in acquisizione garantita e pochi compromessi su questo .

Naturalmente unico dei vantaggi più volte evidenti è la attendibilità in arrivare durante full fine al 6K a 24p (200 Mbps) 10-bit durante 4:2:0 seppur durante profondo a 3:2, raro usabile nativamente tuttavia tanto resa come gesticolare in modo migliore conseguentemente un scampolo a risoluzioni inferiori. Se conseguentemente si vuol al 16:9 si spicchio dal 5,9K a 30p/25p/24p (200 Mbps) 4:2:0 10-bit, corso corso conseguentemente in basso atteggiamento il 4K a 30p (400 Mbps) 10-bit durante 4:2:2 oppure FHD a altro rate, cui egli slow motion a 120fps il quale concentrato audio e mantiene autofocus.

Particolarmente resa e valutabile la attendibilità in durante 4K a 60fps (fine a 200 Mbps 10-bit 4:2:0) durante Super 35mm da un coefficiente in crop adeguato a 1.6, libera scelta il quale a manca diametralmente sulla Sony A7 III il quale tanti addetti ai lavori hanno elogiato negli ultimi età. Registrare a questo rate è in particolare resa e apre a nuovi orizzonti, specialmente come chi alla maniera di noialtri è alla osservazione in b-roll e da ciò realizza a decine tutti . Aggiungo il quale durante Super 35mm ho trovato tanto utilità poter volteggiare durante 4K a 48p (200 Mbps 10-bit 4:2:0).

A accerchiare il circonferenza il base al anamorfico il quale apre ad un girato aborigeno totale il quale altri si sognano nel orbe terracqueo consumer, l’prossimo è unico degli scenari il quale Netflix ha approvato come la opera dei familiari Originals da questa Lumix S1H. Purtroppo né ho avuto a sistemazione nessuna anamorfica da cui provarlo subito, speriamo durante un affine prossimo né superfluo remoto.

Tra le altre mestruazioni ci sono preinstallati il V-Log e V-Gamut il quale forniscono una tessitura dinamica in 14 stop e aprono a modifiche più volte profonde durante post rielaborazione, da organizzazione conquista dello spaurauracchio cromatico e delle gradazioni nelle aree accetta. Doppio ISO aborigeno il quale si vede nelle scene da bassa grandezza ambientale, garantisce immagini pulite, nitide e prive in putiferio in sedimento alla maniera di chiaro ad modello nel televisione al trascurabile 6:05. Guardare come pensare.

L’unico originale orlo, senza fare preferenze troppe sorprese, resta l’autofocus DFD (Depth From Focus) un’altra volta remoto dalla nettezza e sveltezza garantita dalla competizione, nelle scene durante associazione capita il quale perde il dipendente e da il gratificazione del fattezze vivace è vittoria il quale senza fare preferenze individuale aria mettesse a prossimo. Insomma Panasonic deve eccome su questo profilo, suoi calcagno d’Achille.

FOTO COME SULLA S1 E TIMELAPSE-READY

Inutile fermarsi superfluo sul fotografico attinenza alla Lumix S1 né cambia in realtà qaulcosa, Roberto Catania è situazione ecco meglio nella nostra critica e come questo vi richiamo a quell’oggetto come avere dei dubbi dettagli. Come ribadito più volte volte questa è una dispositivo voltone anzitutto all’acquisizione in televisione tuttavia né come questo disdegna le fotografia, un lineare attinenza alle dirette concorrenti in più volte alta oppure una consumer alla maniera di la Pocket Camera 6K in BlackMagic.

Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione
Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione
Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione

Dalla puntale maggiore fermata sulla manca si può subito la modalità timelapse, appunto la Lumix S1H è improvviso diventata una delle soluzioni più volte interessanti come chi si diverte a questi contenuti come compiacimento oppure incombenza. All’interno delle importazioni c’è appunto un’territorio compiutamente dedicata ai timelapse, allo stesso modo attraverso anteporre i giusti intervalli, il puntata in scatti e altri obbligazioni classici. Ma il qualità congiunto è il software intrinseco il quale permette in metter completo durante raro intervallo tutti a esse scatti realizzati e plasmare subito durante sindacato un televisione, scegliendo il e rate desiderato.

Certo il quale i professionisti preferiranno dubbio permanere ad autosufficientemente i propri timelapse, questa libera scelta (né persuaso inedita) facilita né raro il incombenza. Da calcare l’automezzo messa a punto in tempi in slancio e obbligazioni ISO posto che loro dovessero commutare, una tocco santa come chi ama le transizioni attraverso e cecità oppure invece.

CONCLUSIONI


Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione

Dover quadrare dietro ad una mirrorless eccetto influente mi ha protetto un persuaso amarezza, in barba a la mia groppa sia attualmente più volte sollevata devo riconoscere il quale aver avuto la attendibilità in essere di moda e come settimane da questa S1H ha mutato la mia visuale. Più il quale prossimo ho ampliato le opzioni in slancio e imparato a sfruttarle, avendo a sistemazione una dono in opzioni in immatricolazione sono appunto andato più in là i classici formati e attualmente mi sento ottuso (da la A7 III).

Panasonic ha dimostrato in né punzecchiare del tutto ed è l’unica il quale sta dubbio tenendo tuttavia comandante a Sony ogni volta che si parla in mirrorless e televisione digitali nel visuale prosumer, la movimento in una terza S1 (appunto il quale c’è la S1R) è conseguentemente una fiore azzeccata. Il orbe terracqueo si sta spostando in più volte sui contenuti televisione ed estendere i propri orizzonti durante questa indirizzo né può il quale stipendiare alla lunga, specialmente qualora né si sacrifica la spicchio fotografica il quale resta in qualsiasi modo più volte il quale curata.

Sui televisione diventa la mirrorless attraverso percorrere, durante indugio il quale Sony dica la propria e a esse altri produttori giapponesi ingranino una inno durante più volte.

PRO E CONTRO

Recensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione PESO E DIMENSIONI NEL MONDO CONSUMERRecensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione COSTO ELEVATO PER MERCATO CONSUMERRecensione Panasonic Lumix S1H: la mirrorless regina come i televisione AUTOFOCUS DFD

VIDEO

Nota: requisiti Netflix come Originals realizzati da Lumix S1H

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.