WhatsApp, arrivano in Brasile i pagamenti attraverso Facebook Pay | Web Agency Brescia
7630
post-template-default,single,single-post,postid-7630,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

WhatsApp, arrivano in Brasile i pagamenti attraverso Facebook Pay

WhatsApp, arrivano in Brasile i pagamenti attraverso Facebook Pay

WhatsApp, arrivano in Brasile i pagamenti attraverso Facebook Pay


Su WhatsApp arrivano i pagamenti attraverso Facebook Pay: l’app di messaggistica ha annunciato la disponibilità dello strumento in Brasile, ma con la promessa che si estenderà “presto” al resto del mondo. Vale la pena ricordare, per contesto, che sulla piattaforma un sistema di pagamenti e trasferimenti di denaro tra utenti esiste già da tempo, ma è disponibile solo in India e si basa su una tecnologia differente.

Facebook Pay è stato presentato verso la fine dell’anno scorso, inizialmente solo in USA e UK, ma con la promessa di espandersi presto (anche in Italia). Fin da subito è stato pensato per essere implementato su tutte le piattaforme di Facebook (Instagram inclusa, in futuro).

Il nuovo sistema inaugurato in Brasile permette di pagare direttamente prodotti e servizi delle piccole e medie imprese, che da qualche tempo possono creare i loro prodotti direttamente sulla piattaforma, oppure di inviare denaro tra privati, come amici e famigliari. Insomma, un sistema diretto concorrente del diffusissimo PayPal.

Lo strumento è cruciale perché è parte integrante di una delle piattaforme di comunicazione più famose e diffuse al mondo: nel solo Brasile, WhatsApp dice che ci sono ben 10 milioni di PMI che potrebbero beneficiare dei pagamenti digitali integrati ed estremamente semplici per l’utente. C’è molto potenziale per incrementare la diffusione dell’economia digitale, attraverso pagamenti sicuri e contactless (aspetto cruciale in questo periodo di coronavirus).

No Comments

Post A Comment