Windows 10 2004 "dimentica" il login a Chrome e altre app quando lo si riavvia | Web Agency Brescia
7632
post-template-default,single,single-post,postid-7632,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Windows 10 2004 “dimentica” il login a Chrome e altre app quando lo si riavvia

Windows 10 2004 "dimentica" il login a Chrome e altre app quando lo si riavvia

Windows 10 2004 “dimentica” il login a Chrome e altre app quando lo si riavvia


Google Chrome, e potenzialmente altre app, hanno qualche problema piuttosto fastidioso con Windows 10 2004 “May 2020 Update”, l’ultimo feature update del sistema operativo in distribuzione da qualche settimana. Molti utenti riportano malfunzionamenti nella sincronizzazione: ogni volta che si riavvia il computer è come se il browser di Google fosse appena stato installato – bisogna fare il login al proprio account Google, i cookie salvati dai siti non vengono salvati (quindi bisogna ri-autenticarsi anche su quelli) e tutti i dati salvati su cloud devono essere scaricati di nuovo.

Il problema, è bene precisare, si presenta solo quando si riavvia Windows 10: chiudendo semplicemente il browser i dati rimangono dove sono. Ci sono segnalazioni di anomalie analoghe anche riguardo al client di posta preinstallato, al client Battle.net e a OneDrive.

Per il momento Microsoft non si è ancora espressa sulla questione, ma il bug è già noto da qualche settimana a Google. C’è una segnalazione nel bug tracker di Chromium che risale al mese di aprile. Google dice che sta investigando, ma il fatto che ci sono più app coinvolte lascia pensare che la soluzione definitiva dovrà provenire da Microsoft.

Un ricercatore di sicurezza sembra comunque aver individuato la causa del problema: la cache generata dalla DLL dpapisrv. Il ricercatore dice che è possibile forzare una pulizia di tale cache chiudendo da task manager tutte le istanze di Chrome.exe, bloccando il computer usando la combinazione di tasti WIN+L e rifacendo il login. I reboot successivi non dovrebbero più causare “perdite di memoria”.

No Comments

Post A Comment