Google Wear OS, watchface più fluide grazie all'accelerazione hardware | Web Agency Brescia
7724
post-template-default,single,single-post,postid-7724,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Google Wear OS, watchface più fluide grazie all’accelerazione hardware

Google Wear OS, watchface più fluide grazie all'accelerazione hardware

Google Wear OS, watchface più fluide grazie all’accelerazione hardware


Google Wear OS ora supporta l’accelerazione hardware per le watchface: ciò significa che la loro renderizzazione e animazione sarà presa in carico dalla GPU, garantendo quindi frame rate più elevati e maggior fluidità. Gli sviluppatori devono abilitare manualmente questa opzione (e solo sugli smartwatch più recenti basati su Android 9): facendo molta attenzione alla possibilità che il consumo di energia aumenti. Google consiglia infatti di non basarsi su animazioni troppo lunghe e troppo pesanti, proprio per risparmiare batteria.

Wear OS supporta già l’accelerazione hardware per la grafica di alcuni elementi dell’UI, ma la compatibilità con le watchface è stata introdotta solo recentemente con la versione 2.7.0 della Wearable Support Library. Oltre a un evidente incremento di benefici per l’utente finale lato esperienza d’uso, usando questo metodo gli sviluppatori avranno accesso a più dati sulle performance dell’interfaccia, in modo tale da semplificare il processo di debug e ottimizzazione delle prestazioni.

L’accelerazione hardware è disponibile solo sugli smartwatch con Wear OS basato su Android 9, che è in effetti la versione corrente (nonostante per smartphone siamo già prossimi alla versione 11). Implementarla è relativamente semplice per gli sviluppatori, che possono anche specificare eccezioni per gli smartwatch più vecchi (e quindi con hardware superato).

No Comments

Post A Comment