Apple Mac, il kit di transizione ad ARM dovr restare top secret | Web Agency Brescia
7768
post-template-default,single,single-post,postid-7768,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Apple Mac, il kit di transizione ad ARM dovr restare top secret

Apple Mac, il kit di transizione ad ARM dovr restare top secret

Apple Mac, il kit di transizione ad ARM dovr restare top secret


Il passaggio dei Mac da processori Intel a chip custom basati su architettura ARM è forse l’annuncio più importante di una WWDC 2020 virtuale, sì, ma ricca di novità davvero corpose. Il periodo di transizione durerà due anni, ma già da ora gli sviluppatori possono iniziare a lavorarci grazie a un “Transition Kit” realizzato appositamente per loro.

Esteticamente sembra un comune Mac Mini, dentro trova però posto una scheda madre basata sull’Apple A12Z, il SoC che abbiamo visto nei più recenti iPad Pro, presentati questo inverno, accoppiato a 16 GB di RAM.

Apple non vuole scoprire troppo presto le proprie carte, l’intera operazione è avvolta in una coltre di segretezza piuttosto fitta. Gli sviluppatori che acquisteranno questo kit dovranno sottostare a diverse regole:

  • Non potranno aprirlo o disassemblarlo
  • Non potranno eseguire benchmark o altri test delle prestazioni
  • Non potranno mostrarlo ad altre persone
  • Non potranno discuterne sui social media

Tra l’altro, un memo interno visionato dai colleghi di MacRumors precisa che queste unità non potranno essere riparate all’Apple Store, né sarà offerto supporto dalla Genius Bar. Il kit, che costa 500 dollari, deve essere restituito alla fine dei lavori. In caso di guasti sarà necessario rivolgersi direttamente ad Apple per la sostituzione – immaginiamo per altri 500 dollari.

No Comments

Post A Comment