Coronavirus, NASA, ESA e JAXA insieme per misurarne l'impatto globale | Web Agency Brescia
7772
post-template-default,single,single-post,postid-7772,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Coronavirus, NASA, ESA e JAXA insieme per misurarne l’impatto globale

Coronavirus, NASA, ESA e JAXA insieme per misurarne l'impatto globale

Coronavirus, NASA, ESA e JAXA insieme per misurarne l’impatto globale


La pandemia da COVID-19 ha avuto (e sta avendo) un impatto a livello globale i cui effetti (negativi ma anche positivi) sono ancora da calcolare, ma sappiamo con certezza che si propagheranno per i prossimi anni a vari livelli. Si tratta di un’affermazione che trova tutti daccordo anche senza dati alla mano, al di là di ogni uso, costume o lingua.

Qualcuno si è poi interrogato su quale sia stato l’impatto a livello planetario e si è chiesto, se potessimo osservare il pianeta dall’esterno, quali cambiamenti noteremmo nell’ambiente e nella società?

E ciò a cui vogliono rispondere nientemeno che NASA, ESA e JAXA, le tre agenzie spaziali hanno infatti deciso di unire le forze e sfruttare le tecnologie a disposizione, per disegnare un quadro il più preciso possibile dell’impatto della COVID-19 sulla Terra.

Si tratta di una collaborazione senza precedenti che mira ad unire un’immensa mole di dati satellitari all’uso di strumenti analitici, con l’obiettivo di monitorare i cambiamenti della qualità dell’aria, dell’acqua, le modifiche alle attività economiche ed i cambiamenti dell’agricoltura.

Nato ad aprile, il progetto è già operante ed i dati raccolti finora indicano da un lato aspetti positivi, come quelli sulla diminuzione dell’inquinamento, miglioramento dell’aria e dell’acqua, ma anche significativi rallentamenti a determinate attività economiche, come le spedizioni portuali e e le attività commerciali in genere. Un progetto di scala globale che nasce come prova, per adesso limitata alla COVID-19, ma che non si esclude possa essere utilizzato per altri problemi di scala globale che, si spera, non arrivino mai.

I dati raccolti saranno utilizzati per aiutare responsabili politici, autorità sanitarie, urbanisti ed altri enti interessati, a studiare le dinamiche dei cambiamenti a breve e lungo termine. Per maggiori dettagli, vi rimandiamo alla pubblicazione ufficiale NASA disponibile in FONTE.

No Comments

Post A Comment