Mascherina non solo per la salute: in Giappone smart e traduce le lingue | Web Agency Brescia
7786
post-template-default,single,single-post,postid-7786,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Mascherina non solo per la salute: in Giappone smart e traduce le lingue

Mascherina non solo per la salute: in Giappone smart e traduce le lingue

Mascherina non solo per la salute: in Giappone smart e traduce le lingue


Sono tante le aziende che si sono dovute reinventare in questo periodo di crisi economica causata dalla pandemia: basta osservare le centinaia di realtà italiane che hanno convertito i processi produttivi per produrre mascherine per rendersene conto (Lamborghini ed FCA, per fare un paio di esempi in ambito automotive). La volontà di proporre qualcosa di utile sul mercato che sia nel contempo soluzione per un ritorno alla profittabilità accomuna le imprese di tutto il mondo, inclusa la giapponese Donut Robotics.

E’, questa, una startup con base a Kitakyushu che progetta, realizza e sviluppa robot per supportare i passeggeri all’interno degli aeroporti e per effettuare traduzioni simultanee. L’idea del CEO Taisuke Ono è stata semplice: considerati gli aeroporti vuoti – anche Haneda di Tokyo, presso cui Donut Robotics presta servizio con i suoi robot – e vista la crescente domanda di mascherine, perché non unire l’utile (le mascherine) al necessario (sopravvivere alla crisi) creando una mascherina smart?


Mascherina non solo per la salute: in Giappone smart e traduce le lingue




Mobile
18 Mag



Mascherina non solo per la salute: in Giappone smart e traduce le lingue




Android
19 Feb


Mascherina non solo per la salute: in Giappone smart e traduce le lingue

Nasce così c-mask, “indossabile” che, una volta collegato allo smartphone via Bluetooth, sfrutta la tecnologia mutuata dai robot dell’azienda per trasmettere messaggi, tradurre in 8 lingue diverse, effettuare chiamate, convertire vocali in testo o amplificare la propria voce attraverso la mascherina.

Tutto è nato dall’unione tra il software dei robot e un prototipo di mascherina realizzato tempo addietro da uno degli ingegneri dell’azienda per interpretare la voce mappando i muscoli facciali di chi sta parlando. Insomma, la tecnologia già c’era, si trattava semplicemente di prenderla dai robot per integrarla all’interno della mascherina (di plastica, più correttamente dobbiamo parlare di un copri-mascherina).

Le prime 5.000 arriveranno in Giappone a settembre, ma il CEO intende venderle anche fuori dai confini nazionali, Europa inclusa. Il prezzo? Circa 40$. E saranno offerti anche servizi in abbonamento per accedere a “funzioni premium” tramite app.

No Comments

Post A Comment