Xbox Series S (Lockhart), ancora conferme: avr 7,5 GB di RAM contro i 13,5 di Series X | Web Agency Brescia
7796
post-template-default,single,single-post,postid-7796,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Xbox Series S (Lockhart), ancora conferme: avr 7,5 GB di RAM contro i 13,5 di Series X

Xbox Series S (Lockhart), ancora conferme: avr 7,5 GB di RAM contro i 13,5 di Series X

Xbox Series S (Lockhart), ancora conferme: avr 7,5 GB di RAM contro i 13,5 di Series X


Xbox Series X non è l’unica console di nuova generazione cui Microsoft sta lavorando, ormai è quasi certo. Le voci lo suggerivano già da tempo, e infatti noi in anticipo sulle notizie che si sono poi susseguite freneticamente in queste ultime ore ci eravamo interrogati sulla questione, e avevamo spiegato perché un’operazione simile avrebbe avuto senso. E questo prima di sapere che PlayStation 5 sarebbe stata presentata in duplice copia, vedi Digital Edition.

Il leak di ieri mette sul piatto due documenti di Microsoft che fanno esplicito riferimento a un profilo “Lokchart” che si affianca ad “Anaconda” – nome in codice cui è associata Xbox Series X. La nuova versione del kit di sviluppo, insomma, avrebbe introdotto la possibilità per gli sviluppatori di realizzare titoli che siano compatibili anche per questa seconda console next-gen, dalle caratteristiche hardware ridimensionate.

In questo senso, oggi arrivano conferme da The Verge, che torna a parlare di una CPU leggermente underclockata, una GPU da 4TFLOPS (contro i 12 di Xbox Series X), e aggiunge un dettaglio inedito, cioè il quantitativo di RAM di cui Lockhart dovrebbe disporre: 7,5 GB (Series X ne avrà 13,5). Questo spiegherebbe anche perché nel documento di Microsoft ci fosse un riferimento ad un possibile errore quando un gioco utilizza tutta la memoria a disposizione di Lockhart.

Insomma, i pezzi del puzzle cominciano a combaciare: anche Microsoft arriverà sul mercato con due nuove console, proprio come Sony, ma la strategia sembra molto diversa. Da una parte abbiamo due console presentate assieme e con un hardware quasi identico, con la presenza del lettore ottico come unica differenza: è il caso di PlayStation 5 e PlayStation 5 Digital Edition. Dall’altra c’è il colosso di Redmond che per ora ha deciso di scoprire (con largo anticipo sulla concorrenza) Xbox Series X, senza però citare la proposta destinata ad affiancarla: per ora sappiamo solamente che avrà un hardware più limitato e probabilmente andrà occupare una fascia di prezzo particolarmente aggressiva.

Chissà se ne sapremo di più già durante la conferenza Microsoft di luglio: di sicuro c’è tanta materia su cui discutere e ragionare nella live sul canale Twitch di HDblog: appuntamento questa domenica, ore 18:15, per discutere assieme questa notizia e tutte le altre che hanno caratterizzato la settimana.

No Comments

Post A Comment