iPhone SE 2020, il test di DXoMark: fotocamera nella media, meglio per i selfie | Web Agency Brescia
7813
post-template-default,single,single-post,postid-7813,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

iPhone SE 2020, il test di DXoMark: fotocamera nella media, meglio per i selfie

iPhone SE 2020, il test di DXoMark: fotocamera nella media, meglio per i selfie

iPhone SE 2020, il test di DXoMark: fotocamera nella media, meglio per i selfie


DxOMark non si è dimenticato di iPhone SE 2020, e a distanza di due mesi e mezzo dal suo debutto lo sottopone alla classica analisi per testarne le capacità fotografiche, sia del sensore posteriore, sia di quello anteriore dedicato ai selfie.

Queste le caratteristiche tecniche delle due fotocamere:

  • posteriore: 12MP, apertura f/1,8, PDAF, OIS, zoom digitale 5x | video 4K fino a 60fps, slow-mo 1080p fino a 240fps, HDR
  • anteriore: 7MP, apertura f/2,2, FF, modalità ritratto | video 1080p a 30fps, EIS

37°: così si posiziona lo smartphone più economico di Apple nella classifica dei dispositivi che, secondo DxOMark, offrono le migliori prestazioni fotografiche sul mercato. La classifica, ricordiamo, è guidata da P40 Pro davanti a Honor 30 Pro+ e Oppo Find X2 Pro.

Il punteggio totale è di 101, 103 per gli scatti e 98 per la registrazione dei video. Pesa nel giudizio la presenza di un’unica fotocamera, che ne limita l’utilizzo dovendo affidarsi ad esempio allo zoom digitale per avvicinare la scena inquadrata. Si sente anche l’assenza del grandangolo, soluzione sempre più apprezzata tra gli utenti. Restano buoni i dati su esposizione, colore, AF e dettagli, specie negli scatti all’aperto in buone condizioni di luce. Bene anche il contrasto, ma la qualità inizia a calare di notte, dove i dettagli scarseggiano e il rumore è evidente. Ci sono troppi artefatti nello scatto in modalità ritratto, a detta di DxOMark, così come lo zoom (digitale, come detto) fa perdere troppi dettagli.

Lato video i risultati sono discreti, specie in condizioni di buona luce. Nulla di particolarmente eccelso, dicono i recensori, specie – ancora una volta – di notte.

Qualora siate interessati ad approfondire, il test completo è disponibile in FONTE. QUI, invece, trovate le nostre impressioni che abbiamo condiviso con voi nella nostra recensione.

iPhone SE 2020 si posiziona 17°, pari punti con Mate 30 Pro 5G di Huawei. In questo caso lo smartphone fa meglio le foto che i video, anche se i punteggi delle due sotto-categorie sono abbastanza simili (85 il primo, 83 il secondo). Gli 84 punti guadagnati sono lontani dalla cima della classifica (anche qui guidata da P40 Pro), ma consentono al dispositivo di restare nella top 20 grazie al suo sensore da 7MP che garantisce buoni risultati nonostante il fuoco fisso e le capacità “base” a disposizione.

Colori, esposizione e range dinamico sono più che soddisfacenti, così come l’effetto simulato del bokeh. C’è rumore, però, e lo sfondo – complice il FF – non è sempre ben rappresentato. Risultati positivi anche dalla registrazione video, nonostante manchi il 4K. A DxOMark è piaciuta la stabilizzazione elettronica, così come non sono piaciuti i video in notturna a causa di dettagli assenti e rumore consistente.

La review completa è disponibile al link nel VIA.

(aggiornamento del 28 giugno 2020, ore 09:17)

No Comments

Post A Comment