Robot, progressi sull'equilibrio grazie ai ricercatori italiani dell'IIT | Web Agency Brescia
7900
post-template-default,single,single-post,postid-7900,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Robot, progressi sull’equilibrio grazie ai ricercatori italiani dell’IIT

Robot, progressi sull'equilibrio grazie ai ricercatori italiani dell'IIT

Robot, progressi sull’equilibrio grazie ai ricercatori italiani dell’IIT


La branca della robotica che mira a ricreare quadrupedi e bipedi in grado di muoversi in modo realistico è molto attiva, pensiamo ad esempio alle unità di Boston Dynamics, come il robot Spot che abbiamo ampiamente trattato sulle nostre pagine.

Se c’è un aspetto che nel passato ha messo in crisi i ricercatori e solo negli ultimi anni è stato decisamente migliorato, è quello dell”equilibrio, si tratta infatti di uno stato molto complesso di un corpo, che gli permette di muoversi senza cadere anche di fronte a sollecitazioni. Se fino ad oggi i robot realizzati sono stati in grado di mantenere l’equilibrio su una superficie di base piuttosto ampia, le cose potrebbero presto migliorare.

Risultati incoraggianti arrivano proprio dall’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), che a quanto pare è stato in grado di realizzare un controller robotico molto raffinato, grazie ad esso è possibile mantenere l’equilibrio di un’unità anche in situazioni molto complesse, come passaggi stretti e forti sollecitazioni.

Nelle simulazioni digitali, il controller ha permesso a un robot di 90 chilogrammi di attraversare un ponte largo solo sei centimetri. Come dimostrato dai test visibili in video, l’unità test dotata di controller riesce a mantenere l’equilibrio su due piedi anche quando subisce spinte di una certa intensità. Si tratta di un progetto concreto e d’interesse globale, la tecnologia sviluppata dall’IIT potrebbe infatti trovare impiego in un numero sempre più ampio di applicazioni robotiche, anche per aziende terze che ne volessero usufruire.

Il team responsabile dello sviluppo all’IIT ha voluto dettagliare le sue ricerche in un articolo pubblicato su arXiv, per approfondimenti è consultabile in FONTE.

No Comments

Post A Comment