Google Chrome promette più autonomia con tante schede aperte | Web Agency Brescia
7928
post-template-default,single,single-post,postid-7928,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Google Chrome promette più autonomia con tante schede aperte

Google Chrome promette più autonomia con tante schede aperte

Google Chrome promette più autonomia con tante schede aperte


Google Chrome potrebbe ridurre drasticamente il consumo di batteria per gli utenti con molte schede aperte, bloccando alcune operazioni JavaScript nelle schede in background. Stando ai colleghi di The Windows Club, la nuova funzionalità è stata testata da Google su Chrome 86, che per il momento è disponibile solo nel canale di test più instabile di tutti, ovvero Canary.

Il portale ha detto che va abilitata attraverso un’apposita flag, ma non ha specificato quale né ha detto se è ancora disponibile o è stata rimossa. La funzionalità, in concreto, impone un limite di una riattivazione al minuto per le schede in background sulle operazioni JavaScript non essenziali, come il controllo della posizione o la gestione degli annunci pubblicitari. Gli sviluppatori di Mountain View hanno condotto almeno due test, con risultati davvero promettenti:

  • 13% di autonomia in più (pari a 36 minuti) in una sessione con 36 schede aperte e in primo piano un video YouTube a schermo intero
  • 28% di autonomia in più (pari a 2 ore) in una sessione con 36 schede aperte e in primo piano una scheda vuota (pagina about:blank).

I test, secondo la documentazione, sono stati condotti su un laptop, modello sconosciuto, senza risparmio energetico e regolazione automatica della luminosità del display. Non sappiamo quando – nemmeno se, in effetti – la funzione sarà distribuita sul canale stabile, ma l’obiettivo di Google è portarla sia su desktop sia su mobile.

Google si sta impegnando molto per snellire il suo diffusissimo browser Web: nelle scorse settimane si era parlato anche di una cospicua riduzione del consumo di RAM su Windows 10, grazie all’ultima versione 2004 dell’OS in distribuzione da qualche settimana. Detto questo, come dimostrano i test di Google stessa, Safari riesce a fare ancora meglio.

No Comments

Post A Comment