Marte, il cratere ghiacciato Korolev come non lo avete mai visto | Video | Web Agency Brescia
7939
post-template-default,single,single-post,postid-7939,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Marte, il cratere ghiacciato Korolev come non lo avete mai visto | Video

Marte, il cratere ghiacciato Korolev come non lo avete mai visto | Video

Marte, il cratere ghiacciato Korolev come non lo avete mai visto | Video


Uno tra i luoghi di Marte più affascinanti per la comunità scientifica è sicuramente il cratere Korolev. Di questo luogo conosciamo molti più dettagli grazie alla missione Mars Explorer e soprattutto al suo orbiter, fonte di immagini accurate e di una recente ricostruzione video.

Il cratere Korolev deve il suo nome all’ingegnere missilistico e progettista di veicoli spaziali, Sergei Pavlovich Korolev (1907-1966), ritenuto da molti come il padre della tecnologia spaziale russa.

E’ situato nelle pianure settentrionali di Marte, a sud del grande campo di dune di Olympia Undae che circonda in parte la calotta polare settentrionale di Marte. Ha un diametro di circa 82 km ed al suo interno ospita uno strato di ghiaccio perenne dallo spessore di circa 1,8 km, qualcuno scherzosamente l’ha definito come la miglior località per sport invernali conosciuta, peccato solo non sia così accessibile.

Scherzi a parte, la presenza costante di ghiaccio al suo interno è dovuta ad un fenomeno denominato “Trappola Fredda”, sembra infatti che l’aria presente all’interno del cratere agisca come una sorta di scudo termico, in grado di mantenere temperature estremamente basse durate tutto l’arco di un anno marziano.

La clip che vi proponiamo a seguire si basa su una ricostruzione effettuata con immagini catturate dal Mars Express dell’ESA, nello specifico è stato creato un mosaico dai dati della telecamera stereo ad alta risoluzione (HRSC). Dalla combinazione tra dati e informazioni topografiche, è stato possibile creare una ricostruzione tridimensionale piuttosto accurata. Prima di lasciarvi alla visione, vi ricordiamo che la NASA è prossima allo start della missione Mars 2020, grazie ad essa il nuovo rover Perseverance sarà inviato sul pianeta rosso.

No Comments

Post A Comment