Facebook, il boicottaggio non intacca i risultati finanziari: potrebbe farlo iOS 14 | Web Agency Brescia
8309
post-template-default,single,single-post,postid-8309,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Facebook, il boicottaggio non intacca i risultati finanziari: potrebbe farlo iOS 14

Facebook, il boicottaggio non intacca i risultati finanziari: potrebbe farlo iOS 14

Facebook, il boicottaggio non intacca i risultati finanziari: potrebbe farlo iOS 14


I dati finanziari del Q2 2020 di Facebook ci aiutano a capire meglio alcune delle dinamiche che hanno caratterizzato gli interventi di Zuckerberg nel corso dell’audizione al Congresso USA di mercoledì scorso. Sì, perché una delle tante domande poste al CEO dell’azienda di Menlo Park riguardava proprio il crescente gruppo di società che hanno deciso di boicottare i social del gruppo Facebook al grido dello slogan Stop Hate for Profit e suonava più o meno così: davvero potete permettervi di ignorare il fatto che i vostri partner vi stiano voltando le spalle?

Guardando i risultati finanziari condivisi nelle ultime ore – ma soprattutto le proiezioni per il prossimo trimestre – pare che la risposta a questa domanda sia un netto. La società ha fatto registrare ricavi da record per quanto riguarda il settore dell’advertising, raggiungendo quota 18,32 miliardi, contro i 16,61 del 2019. Si tratta di un +10% su base annuale che testimonia il buono stato di salute della compagnia in questo campo, tuttavia questo dato non copre il mese di luglio, durante il quale la campagna di boicottaggio ha cominciato ad entrare nel vivo.

Facebook, il boicottaggio non intacca i risultati finanziari: potrebbe farlo iOS 14

Facebook ha voluto comunque parlare delle prime 3 settimane di luglio in una nota separata – proprio per entrare nel vivo della questione e fugare ogni dubbio – affermando di aver registrato anche in quel caso una crescita dei ricavi del 10% rispetto allo scorso anno. Insomma, a meno che le cose non cambino radicalmente nei prossimi mesi, sembra che tutto il movimento di protesta non porterà alcun danno all’azienda, la quale continua a esibire conti in attivo e in ottima salute.

I ricavi totali del Q2 2020 ammontano a 18,68 miliardi di dollari (contro i 16,88 del 2019) e il profitto ha raggiunto quota 5,17 miliardi di dollari: si tratta di un incremento del 98% rispetto ai 2,61 miliardi dello scorso periodo dell’anno precedente. Anche i dividendi versati per azione hanno visto la stessa crescita, raggiungendo quota 1,8 dollari ad azione (12 mesi fa erano 0,91). Il numero di utenti attivi giornalieri di Facebook ammonta a 1,79 miliardi di persone (+12%), mentre quello di coloro che utilizzano le app dell’ecosistema FB arriva a 2,5 miliardi.

Facebook, il boicottaggio non intacca i risultati finanziari: potrebbe farlo iOS 14

Se quindi neanche le minacce da parte di brand importanti come Sony, Coca-Cola, Unilever, Verizon e molti altri sono riuscite a intimorire il colosso di Menlo Park, cosa mai potrà farlo? Stando alle recenti dichiarazioni del CFO David Wehner, pare che la prossima minaccia alla crescita di Facebook potrebbe arrivare da tutt’altra direzione: si tratta infatti di iOS 14.

La prossima versione del sistema operativo di Apple, infatti introduce un nuovo sistema di protezione della privacy che blocca il tracciamento dei dati dell’utente mentre passa da un’app all’altra, chiedendogli di dare il proprio consenso esplicito affinché questi dati possano essere raccolti.

Considerando che iOS 14 sarà installato su tutti i prossimi iPhone e il forte tasso d’aggiornamento tipico della piattaforma, Facebook teme che queste nuove politiche potranno interferire pesantemente con il modello di business dell’azienda e quindi con i ricavi pubblicitari, attendendosi che il Q4 del 2020 potrebbe mostrare una contrazione causata proprio dalla diffusione di iOS 14, in quanto molti utenti potrebbero negare il consenso al trattamento dei dati.

L’azienda sottolinea che questo genere di pubblicità siano vitali per le piccole aziende che operano su Facebook, specialmente in questo periodo di forte crisi.

No Comments

Post A Comment