Dark Sky: come previsto, Apple "stacca la spina" all'app meteo su Android | Web Agency Brescia
8349
post-template-default,single,single-post,postid-8349,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Dark Sky: come previsto, Apple “stacca la spina” all’app meteo su Android

Dark Sky: come previsto, Apple "stacca la spina" all'app meteo su Android

Dark Sky: come previsto, Apple “stacca la spina” all’app meteo su Android


Apple ha acquisito ad aprile scorso Dark Sky, un’app meteo che era balzata nei primi posti delle classifiche di categoria. Utenti e stampa specializzata ne hanno apprezzato il bel design, la completezza di funzionalità e le previsioni attendibili.

Su Android l’app ha da poco chiuso i battenti: non è più disponibile al download, ed anche chi già l’ha installata sul proprio dispositivo (anche con abbonamento premium per rimuovere la pubblicità) non potrà più utilizzarla. Stesso destino per quanto riguarda l’app per Wear OS.

Ricordiamo che il termine ultimo dal 1 agosto era stato spostato di un mese rispetto all’annuncio di aprile e il team di sviluppo ha già confermato che le sottoscrizioni ancora attive sino a questa data daranno diritto ad un rimborso (entità e modalità ancora da confermare).

Dark Sky offriva anche un’API che permetteva ad app terze di usare i suoi dati: sarà chiusa anche quella, anche più in là nel tempo: si parla di fine 2021. L’app per iOS continuerà a rimanere disponibile, ma l’annuncio ufficiale ha aggiunto un “per ora” che non ispira il massimo della fiducia.

Non ci sono dettagli sulla motivazione che ha spinto Apple a questa mossa ma, insomma, sembra piuttosto ovvio prevedere che l’obiettivo sia migliorare in qualche modo l’app Meteo predefinita di iOS. Di solito è questo lo scopo dei colossi tech quando si interessano a piccole app indipendenti – ricordiamo per esempio Acompli e Wunderlist per Microsoft (anche se quest’ultima non è andata come si sperava) Rimaniamo in attesa di ulteriori informazioni.

Nota: articolo aggiornato al 2 agosto con la chiusura del servizio su Android

No Comments

Post A Comment