Elon Musk: piramidi costruite da alieni. L'Egitto (ovviamente) dissente | Web Agency Brescia
8367
post-template-default,single,single-post,postid-8367,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Elon Musk: piramidi costruite da alieni. L’Egitto (ovviamente) dissente

Elon Musk: piramidi costruite da alieni. L'Egitto (ovviamente) dissente

Elon Musk: piramidi costruite da alieni. L’Egitto (ovviamente) dissente


Di recente il nostro Elon Musk è stato protagonista dell’ennesimo tweet in grado di infiammare il web, sì perché il CEO di SpaceX è noto per intervallare la normale condivisione di aggiornamenti sui progetti più innovativi delle sue aziende (di recente su Neuralink per fare un esempio) a vere e proprie uscite a gamba tesa sugli argomenti più disparati. Se tiriamo in ballo il principio “parlane bene o parlane male, l’importante è che se ne parli”, Musk probabilmente non ha rivali.

Così, dopo aver proclamato l’intenzione di portare su Marte oltre 1 milione di persone entro il 2050, l’incredibile svolta di stampo archeologico di fine luglio ha intrattenuto la sua vasta community di follower.

Tutto è nato da questo tweet del 31 luglio, ritwittato oltre 86.000 volte ed apprezzato da circa 545.000 utenti:

Tutto abbastanza chiaro: soggetto, predicato verbale e complemento oggetto non lasciano molto spazio all’interpretazione, dunque Elon Musk ha scritto che “sono stati gli alieni a costruire le piramidi egizie”, lo ha fatto davvero!

E’ ininfluente il fatto che lo pensi davvero o sia una delle sue solite trovate “malefiche” per attirare l’attenzione mediatica (come se ce ne fosse bisogno), fatto sta che al tweet è prontamente seguita la replica di Rania A. Al Mashat, ministro egiziano della cooperazione internazionale, che dice:

Nonostante la grande ammirazione nutrita verso Elon Musk, il ministro lo ha invitato a venire a verificare di persona la storia delle Piramidi egizie, visitando in loco le tombe dei costruttori ed approfondendo le prove scritte che documentano l’immensa realizzazione dell’uomo.

Non sappiamo se Musk accetterà l’offerta, tuttavia la storia non si è conclusa qui ed il nostro Elon ha fornito ulteriori dettagli a riguardo:

Musk stavolta fa riferimento ad un articolo della BBC nel quale si parla di una delle teorie maggiormente supportate, secondo la quale la costruzione della Grande Piramide di Giza sarebbe avvenuta in circa 20 anni ad opera di 4.000 operai, coadiuvati da altri 16.000 – 20.000 lavoratori di supporto. Nel suo commento calca la mano sul fatto che che per 3.800 anni la Grande Piramide sia stata la più grande struttura costruita dagli umani, notare quest’ultima parte, ritenendo evidentemente inverosimile questo ampio lasso temporale.

Poco male, l’hype di questa uscita è durato pochi giorni visto il successo della missione Demo-2, terminato con l’ammaraggio dei due astronauti statunitensi. Siamo tuttavia curiosi di sapere se la storia delle Piramidi avrà seguito. Musk accetterà l’invito del ministro egiziano? Lo scopriremo nella prossima puntata.

No Comments

Post A Comment