Esplosione di Beirut, NASA condivide immagine satellitare dei danni | Web Agency Brescia
8439
post-template-default,single,single-post,postid-8439,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Esplosione di Beirut, NASA condivide immagine satellitare dei danni

Esplosione di Beirut, NASA condivide immagine satellitare dei danni

Esplosione di Beirut, NASA condivide immagine satellitare dei danni


Tutti siamo rimasti a bocca aperta per le tante immagini e soprattutto per i video, che documentano la recente tragedia di Beirut, un’esplosione che martedì ha causato circa 150 morti e migliaia di feriti. La detonazione, causata da una scorta di nitrato d’ammonio immagazzinata nel porto, è stata sentita fino a Cipro.

LA NASA ha recentemente condiviso un’immagine satellitare che evidenzia l’entità del danno sulla superficie. Per ottenere la mappatura il team di Advanced Rapid Imaging and Analysis (ARIA) della NASA, in collaborazione con l’Osservatorio terrestre di Singapore, ha utilizzato i dati del radar ad apertura sintetica derivati ​​dal satellite.

Visibile in testata, la mappa della NASA utilizza pixel in diverse tonalità di giallo e rosso, con il rosso più scuro che rappresenta i danni più gravi intorno al porto di Beirut. I pixel arancioni rappresentano un danno moderato, mentre i pixel gialli un danno lieve. Ogni pixel rappresenta un’area ci 30 metri, la NASA ha affermato che la mappa potrebbe essere utilizzata per aiutare a individuare le aree in cui è maggiormente necessario aiuto. Per maggiori informazioni, vi rimandiamo alla pagina ufficiale dell’ARIA (in FONTE).

La NASA non si affida solamente ai dati satellitari, attualmente si prepara a realizzare un nuovo progetto diverso dai soliti visti in ambito aerospaziale. L’idea prevede la realizzazione di un pallone gigante delle dimensioni di un campo da calcio da mandare nella stratosfera assieme ad uno strumento in grado di osservare le lunghezze d’onda della luce originate da stelle esistenti, ma bloccate dall’atmosfera terrestre.

No Comments

Post A Comment