Android 11 migliora la compilazione automatica: cosa cambia | Web Agency Brescia
8462
post-template-default,single,single-post,postid-8462,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Android 11 migliora la compilazione automatica: cosa cambia

Android 11 migliora la compilazione automatica: cosa cambia

Android 11 migliora la compilazione automatica: cosa cambia


Con Android 11 la compilazione automatica sarà ancora migliore di quanto già non lo sia ora. Sarà più smart (nel senso di intelligente) e più semplice, promette Google. Il supporto a questa funzione era stato introdotto inizialmente con Android 8 Oreo, per poi essere ulteriormente implementato con Pie. Non sempre però il suo funzionamento risulta immediato quando si tratta di inserire password e indirizzi: errori e ritardi nel riconoscimento dei dati spesso si nascondono dietro l’angolo, ed il layout con cui vengono visualizzati i suggerimenti risulta spesso invadente.

Android 11- giunto ora alla terza (e ultima) beta – porta in dote un sistema di compilazione automatica completamente ridisegnato e che sarà compatibile sia con Gboard sia con le tastiere di terze parti:

A partire da Android 11, le tastiere e altri IME (Input Method Editor) potranno visualizzare i suggerimenti di compilazione automatica in linea in una striscia di suggerimenti o qualcosa di simile al posto del sistema che li mostra in un menu a discesa. Visto che questi suggerimenti di compilazione automatica possono contenere dati privati, come password o informazioni sulla carta di credito, vengono nascosti dall’IME fino a quando l’utente non ne selezionerà uno.

No Comments

Post A Comment