Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro | Web Agency Brescia
8483
post-template-default,single,single-post,postid-8483,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro

Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro

Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro


Insieme al Nord, OnePlus ha lanciato anche un paio di cuffiette true wireless niente male e le ha chiamate semplicemente OnePlus Buds. Non hanno fatto molto rumore perché sono piuttosto semplici, ma non per questo andrebbero trascurate tra le tante possibilità di scelta offerte dal mercato.

COME SI PRESENTANO


Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro

L’esemplare incluso nel media kit è di colore azzurro, come il OnePlus Nord che abbiamo recensito, infatti la colorazione è denominata proprio Blue Nord. Stravagante senza alcun dubbio e per quanto mi riguarda lo è un po’ troppo, fortunatamente OnePlus ha previsto anche due più canoniche colorazioni in bianco e grigio.

Il design del case è gradevole, ma soprattutto si apprezza il peso piuma di appena 37 grammi. L’altra faccia della medaglia è però la qualità costruttiva percepita che non è certamente memorabile, picchiettandola suona “leggerina” e la finitura opaca contribuisce a farla sembrare più economica di quel che è. In compenso non si riga e dopo una caduta ben fatta non ha subìto alcun danno apparente, del resto anche la cerniera è solida grazie ad un rinforzo metallico.

Sulla parte posteriore trovano posto un tasto per il reset della connessione Bluetooth e un LED indicatore della carica residua dell’astuccio, in basso l’unica porta Type-C per la ricarica (solo cablata).

Aprendo il coperchio si scopre un’altra colorazione, gialla nel nostro caso e con una finitura lucida della plastica nel punto di contatto con le cuffiette. La molla che tiene aperto il coperchio ha la giusta forza e permette di aprire la confezione con un dito e di richiuderla con una leggera spintarella, poi un magnete fa il resto e riporta in posizione di chiusura il case con un adorabile “clack”.

Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro

Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro




Apple
02 Apr



Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro




Alta definizione
08 Nov


Le due cuffiette sono in plastica lucida, nuovamente in colore Blue Nord ma questa volta lucide, con la parte finale dello stelo cromata, molto kitsch. Estetica a parte appaiono ben rifinite e con un peso leggermente superiore alla media (4,7 grammi) il ché conferisce loro un feedback di una certa qualità.

Sono di tipo non in-ear (half-in-ear), classiche insomma, o se vogliamo “alla Airpods”, la parte auricolare della cuffietta è particolarmente grande e questo le rende estremamente confortevoli. Mi rendo conto però che questo sia un punto estremamente soggettivo e, a differenza delle cuffiette in-ear, qui non ci sono i gommini di diverse misure, per cui o va o non va bene per il vostro padiglione, nessuna possibilità di adattamento.

Personalmente le ho trovate stabili e comode, anche meglio delle Airpods e delle Huawei Freebuds 3 che mi erano molto piaciute. Sono certificate IPX4 per cui offrono un minimo grado di resistenza all’acqua, quanto basta per evitare problemi in caso di pioggia o sudore, per quanto la loro conformazione non le renda lo strumento più adatto per fare sport.

SCHEDA TECNICA E AUTONOMIA


Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro

  • Dimensioni e peso
    • Cuffiette: 18,81×16,13×37,89mm – peso 4,6g
    • Custodia: 52,21×59,62×37,89mm – peso 37g
  • Driver
    • dimensioni: 13,4mm
    • sensibilità: 97dB ± 3dB a 1KHz
    • frequenza di risposta: 20Hz – 20 KHz
  • Microfoni
    • 3 per ogni auricolare
    • sensibilità: -38dB ± 2dB
  • Connettività
    • Bluetooth 5.0 – 10 m range
    • porta ricarica Type-C
  • Batteria
    • auricolare (ognuna): 35 mAh
    • custodia: 430 mAh
    • tempo di ricarica (auricolari+custodia): 80 min

OnePlus dichiara 30 ore di riproduzione per le OnePlus Buds. Abbiamo verificato circa 5 ore di autonomia per ogni ricarica completa e circa 4 ricariche complete fornite dal case, più un 30%.

Dati alla mano si tratta di 25 ore abbondanti di riproduzione a volume 50%, soggette poi a variazioni in base al numero di riconnessioni o di chiamate. Risultato davvero niente male. Inoltre la ricarica delle cuffiette all’interno del case è piuttosto rapida, in circa 15 minuti si ottengono 2 ore abbondanti di riproduzione.

QUALIT AUDIO


Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro

Sorprendente! Non mi aspettavo un suono così rotondo e pieno dalle OnePlus Buds, considerando soprattutto la fascia di prezzo in cui vengono proposte. L’impronta sonora è spostata per lo più sui bassi, ma con un minimo di equalizzazione si riesce a tirar fuori un suono più equilibrato e preciso.

Non dimentichiamo che si tratta di auricolari half in-ear, per cui la qualità audio è ancor più degna di nota. Buona parte del merito è da dividere tra il perfetto fit (per lo meno sulle mie orecchie) e il volume particolarmente elevato. Va detto che manca il codec AptX (supportati AAC e SBC) ma non l’ho trovata una reale limitazione per l’utilizzo per cui sono pensati questi auricolari.

Molto bene anche in chiamata dove i tre microfoni lavorano al meglio per ridurre il rumore di disturbo dell’ambiente in cui ci si trova. Attenzione, non si tratta di cuffiette con riduzione del rumore attiva, semplicemente un algoritmo elabora i suoni captati dai microfoni e li elimina durante le chiamate, in altre parole pulisce la qualità audio per chi vi ascolta, tutto qui.

FUNZIONI SMART


Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro

La base di funzionamento è quella classica per cuffiette true wireless, si collegano in un attimo (supportano il fast pair) e grazie al BT di ultima generazione potrete avere sempre informazioni sul livello di carica di entrambi i driver e del case, c’è poi una funzione aggiuntiva rappresentata dal play/pausa automatico quando si indossano e si rimuovono dalle orecchie. Utile anche il comando del tap prolungato (destra o sinistra è indifferente) che scambia la connessione con gli ultimi due dispositivi utilizzati, perfetta per passare da notebook a smartphone e viceversa.

Oltre a questo avrete a disposizione una funzione personalizzabile per il doppio tocco su entrambi i driver separatamente, l’aspetto curioso è che solo con gli smartphone OnePlus avrete la possibilità di controllare la funzione e riassegnarla, mentre con tutti gli altri smartphone sarà attiva sul comando di default (traccia successiva e traccia precedente per cuffietta destra e sinistra). Con un OnePlus invece potrete scegliere tra play/pausa, richiamo assistente vocale, traccia precedente e traccia successiva.

I Google Pixel rappresentano un’eccezione per la funzione trova dispositivo, stranamente è disponibile solo qui e sui prodotti OnePlus e consiste nel far suonare le due cuffiette a massimo volume con un fischio ad alta frequenza per essere ritrovate in caso di smarrimento.

Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro

Riassumendo, se possedete uno smartphone OnePlus potrete sfruttare la funzione di trova dispositivo e scegliere il comando per il doppio tocco su entrambi i driver. Se avete uno smartphone Google Pixel delle due funzioni sarà disponibile solo il trova dispositivo, se invece avete qualunque altro smartphone la funzione di doppio tocco sarà bloccata sullo skip. Non è finita però, perché solo con l’accoppiamento ad uno smartphone OnePlus è possibile aggiornare le cuffie. Mi vien da dire… trovatevi un amico con un OnePlus se volete acquistarle!

Va sottolineato che le due cuffiette sono indipendenti, possono quindi funzionare per chiamate e per ascolto multimediale in singolo, non una cuffietta leader alla quale l’altra si collega. Merito del Bluetooth 5 e della ottimizzazione di OnePlus, che ha come risvolto una grande stabilità tra connessione, riconnessione, pairing ecc. ma soprattutto una latenza praticamente inesistente guardando video.

Solo con gli smartphone OnePlus attivando la funzione Fnatic la latenza sarà ancora inferiore, ma in realtà è difficile accorgersi della differenza visto che già in modalità normale è davvero minima.

IN CONCLUSIONE


Recensione OnePlus Buds, auricolari TWS da 89 euro

Le OnePlus Buds sono proposte a 89 euro, un prezzo giustificato per chi ha uno smartphone OnePlus, del quale rappresentano un ottimo add on. La qualità audio è sopra la media e le funzioni smart rappresentano una bella comodità per la vita di tutti i giorni.

Se invece non intendete abbinarle ad un prodotto OnePlus rimangono una discreta scelta ma è possibile spendere meno mantenendo grossomodo la stessa esperienza di utilizzo, magari prendendo in considerazione i prodotti che vi abbiamo consigliato nella nostra guida all’acquisto delle migliori cuffiette true wireless.

Le OnePlus Buds sono disponibili sul sito ufficiale raggiungibile dal seguente link.

No Comments

Post A Comment