Recensione Amazon eero: il WiFi mesh perfetto per i meno esperti | Web Agency Brescia
8601
post-template-default,single,single-post,postid-8601,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Recensione Amazon eero: il WiFi mesh perfetto per i meno esperti

Recensione Amazon eero: il WiFi mesh perfetto per i meno esperti

Recensione Amazon eero: il WiFi mesh perfetto per i meno esperti


Fino a qualche anno fa la configurazione delle reti wireless nelle case di grandi dimensioni non era semplice e immediata. L’arrivo dei sistemi mesh ha rivoluzionato questo mondo e ha reso l’accesso a una connessione stabile e veloce alla portata di tutti. Oggi andiamo a vedere la soluzione pensata dal brand eero, acquisito da Amazon nel 2019, che si propone come un Wi-Fi casalingo facile da installare anche da coloro che hanno poca dimestichezza con questo genere di prodotti.

INDICE

DESIGN E COSTRUZIONE


Recensione Amazon eero: il WiFi mesh perfetto per i meno esperti

Amazon eero è un sistema wifi mesh di fascia medio-bassa: non è il più economico sul mercato ma non ha neanche delle caratteristiche così avanzate da porlo tra i più costosi. Questo inquadramento si riflette anche nel design e nella costruzione perché è interamente realizzato in plastica, ma il materiale è comunque di buona qualità.

Il sistema è composto da 3 nodi principali identici che esteticamente appaiono come dei piccoli cubi bianchi con gli spigoli leggermente arrotondati. Devo dire che per il mio gusto risultano piuttosto gradevoli e discreti: non sono troppo vistosi e non attirano eccessivamente l’attenzione.

Non esiste una variante nera, ci dovremo accontentare di quella più chiara che, usando una plastica lucida sulla parte superiore, tende a sporcarsi facilmente e catturare molta polvere. Al di sopra troviamo anche il logo del marchio eero e un piccolo led di stato / notifica. La luce riprodotta è molto forte ed è comoda per le iniziali configurazioni. Io non sopporto avere luci o piccoli led accesi durante la notte, specialmente in camera da letto, ma per fortuna si può disattivare tramite l’applicazione.

Ho apprezzato la dotazione di porte posteriore perché in ogni nodo sono presenti due Ethernet gigabit e un connettore di alimentazione Type C. Quest’ultimo è particolarmente comodo per diversi motivi: è piccolo e compatto, il cavo si collega in entrambi i sensi (adatto quindi anche ai meno esperti che spesso avevano problemi con le porte micro-USB) e potenzialmente si potrebbe anche sostituire con un alimentatore di terze parti nel caso in cui quello originale si dovesse rompere o danneggiare.

Vedendo la porta Type C sul retro ho pensato di poter usare un nodo eero semplicemente alimentandolo tramite USB del PC fisso. Purtroppo questo non è possibile perché l’alimentatore originale è da 15W mentre le porte del mio computer sono in grado di erogare un massimo di 5W, ben al di sotto di quanto fornito dal setup standard. Tale dettaglio è da tenere ben a mente nel caso in cui doveste cambiare il cavo originale, perché sarà necessario acquistarne uno abbastanza potente da sostentare il router.

PRIMA CONFIGURAZIONE


Recensione Amazon eero: il WiFi mesh perfetto per i meno esperti

L’installazione del sistema WiFi Mesh eero rispecchia appieno il tipo di pubblico a cui è indirizzato il prodotto: la prima configurazione e le successive regolazioni si possono effettuare solo tramite lo smartphone. Coloro che preferiscono passare attraverso una interfaccia web desktop si troveranno a bocca asciutta e non c’è modo di bypassare questo ostacolo.

Non lo ritengo un problema di particolare importanza in quanto ogni passaggio è semplice e spiegato nei minimi particolari. Una volta che ci saremo registrati o loggati con il nostro account eero potremo procedere all’installazione. Le prime schermate ci indicano con precisione quali saranno i componenti da tenere a portata di mano durante la configurazione:

  • Gateway eero
  • Cavo di alimentazione
  • Cavo ethernet
  • Modem

Prima di impostare password e nomi della rete dovremo collegare il gateway principale al modem fornito dal nostro gestore telefonico. Non c’è differenza tra i vari nodi, sono tutti uguali e in grado di funzionare come principali. L’intero processo è guidato con grande semplicità e le informazioni fornite prendono in considerazione anche le più inusuali forme di connessione internet come modem-router combinato, reti cablate e quant’altro.

Una volta individuato il nodo principale ci chiederà di indicare in che parte della casa è posizionato. Poi potremo procedere col rinominare la rete e impostare una password. Dopo aver creato la rete, il sistema ci proporrà di aggiungere gli altri nodi indicandoci dove e come posizionare al meglio i diversi dispositivi in modo da creare la rete più ampia possibile e con la connessione più potente.

APPLICAZIONE


Recensione Amazon eero: il WiFi mesh perfetto per i meno esperti

L’applicazione è uno dei punti di forza del Wifi eero perché con questa potremo modificare numerosi parametri e avere una panoramica sempre accurata della nostra rete di casa. La home page mostra da quali componenti è composta la rete e viene indicato quale dispositivo è connesso tramite cavo alla rete e quale invece è semplicemente un nodo secondario. Cliccando su ogni nodo possiamo cambiare la posizione, spegnere la luce led e soprattutto vedere quali dispositivi sono connessi.

Selezionando il dispositivo si può cambiare il suo nome, metterlo in pausa o bloccarlo totalmente dalla rete. Da qui possiamo impostare un profilo, una sorta di parental control specifica per ogni device utilizzato: si possono regolare delle pause pianificate per mettere in pausa internet la notte, oppure bloccare direttamente una tipologia di contenuti per non mostrare materiale inappropriato ai membri più piccoli della famiglia.

Nel tab “Attività” sono mostrate le velocità della rete, su “Scopri” ci sono alcune funzioni aggiuntive, come gli eero Labs dove sono mostrate in anteprima alcune funzioni in fase beta prototipale. Infine, dal tab delle impostazioni si può attivare lo standard IPv6, impostare un DNS personalizzato, aggiornare il firmware dei nodi e attivare le notifiche di collegamento alla rete da parte di un nuovo dispositivo.

Le funzioni sono tante ma tutte molto semplici e posizionate in maniera ordinata. La navigazione nell’applicazione è piacevole e difficilmente ci si può imbattere in schermate strane in cui non sappiamo dove metter mano. Il tutto è reso accessibile anche per l’utente meno esperto che nel tab Home può vedere facilmente l’andamento della propria rete e i dispositivi connessi, le uniche cose di cui ha realmente bisogno.

Non manca anche l’abilitazione della rete ospiti che crea rapidamente una connessione aggiuntiva per il collegamento veloce da parte degli invitati. Da qui si può anche condividere un QR code per agevolare l’accoppiamento con i vari dispositivi. Il brand eero è stato acquisito da Amazon lo scorso anno, non manca quindi il supporto all’assistente vocale Alexa ed è da poco disponibile anche l’integrazione con HomeKit di Apple.

COME FUNZIONA


Recensione Amazon eero: il WiFi mesh perfetto per i meno esperti

Dal punto di vista delle prestazioni non è il miglior sistema mesh, ma è discreto per coloro che hanno una grande casa e poca esperienza con dispositivi del genere. Non c’è nessuna compatibilità con il nuovo standard 802.11ax (conosciuto anche come WiFi 6), ma si sfrutta il più comune AC. È un sistema solo dual band quindi non c’è una banda dedicata alla connessione tra i nodi e il segnale viene condiviso con la rete appena creata.

Secondo le indicazioni di Amazon il sistema eero riesce a coprire con 3 nodi una superficie di 460 mq. Il modello base da noi testato è in grado di offrire 550 Mbps di velocità su singolo nodo e 350 Mbps con il pacchetto da 3. Le prestazioni sono in linea con quanto dichiarato dall’azienda ma nel caso in cui non dovessero essere sufficienti per le vostre esigenze allora è disponibile anche un modello Pro capace di raggiungere 1 Gbps su nodo singolo e 550 Mbps sul pacchetto da 3.

Recensione Amazon eero: il WiFi mesh perfetto per i meno esperti

CONCLUSIONI E PREZZI


Recensione Amazon eero: il WiFi mesh perfetto per i meno esperti

In definitiva Amazon eero è una soluzione interessante per coloro che non hanno grandi necessità ma hanno bisogno di una semplice rete WiFi mesh che funzioni bene, sia stabile e non dia problemi una volta configurata. Attualmente il singolo nodo viene venduto su Amazon a 109 euro e si sale a 279 euro per il pacchetto da 3. Il prezzo è adeguato alle caratteristiche, anche se nella stessa fascia di prezzo si trovano soluzioni un po’ più prestanti. Ma per tutti gli utenti meno esperti che non hanno una grande dimestichezza con queste tecnologie Eero rappresenta una valida scelta.

ALTERNATIVA EERO PRO PIÙ PRESTANTE

No Comments

Post A Comment