Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple | Web Agency Brescia
8770
post-template-default,single,single-post,postid-8770,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple


Con il team di HDblog.it abbiamo avviato da qualche tempo la rubrica delle guide d’acquisto dei migliori smartphone, pc portatili e altri gadget tecnologici. Oggi però iniziamo con un altro appuntamento in cui vi raccontiamo come usiamo i nostri prodotti per lavorare tutti i giorni e vi mostriamo quali sono quei programmi che non devono mancare sui vostri dispositivi.

Questa è la prima puntata dedicata alle migliori applicazioni per MacOS, ma le prossime settimane ne arriveranno altre per altri sistemi.

Per comprendere appieno il funzionamento di alcune applicazioni vi consigliamo la visione del video dove viene mostrato in modo chiaro come queste si comportano.

INDICE

MAGNET


Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

L’applicazione Magnet va a “mettere una pezza” su una delle mancanze più importanti del sistema operativo MacOS: l’assenza del “windows snapping”. Su Windows siamo abituati a sbattere letteralmente le finestre sui bordi dello schermo per poterle utilizzare in posizioni e dimensioni predefinite: full screen, metà schermo di sinistra o destra, etc..

Il funzionamento di Magnet è molto simile a quello sviluppato da Microsoft e si può gestire sia spostando manualmente le finestre sia usando delle combinazioni da tastiera. Il sistema rimane molto stabile ed è comodo per poter impostare velocemente dei layout per essere più produttivi. Io ad esempio adoro lavorare con un terzo dello schermo con il mio gestore di testi e il resto con Chrome per poter fare delle ricerche online. Come alternativa c’è anche BetterSnapTools, il funzionamento è analogo.

KEKA


Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

Sui pc Windows solitamente uso 7zip come programma per archiviare i miei file. Quando per la prima volta mi sono approcciato a un pc con sistema MacOS non sono riuscito a trovare la mia applicazione preferita, me nello stesso sito viene consigliata Keka come app alternativa per i computer Apple.

Keka è gratuita e le sue funzioni basilari la rendono molto semplice e intuitiva. Io l’ho impostata come predefinita per aprire le cartelle compresse perchè è compatibile con tantissimi formati.

RESIZE MASTER


Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

Molto spesso mi trovo a dover lavorare con diverse foto di grandi dimensioni, il web però non riesce a digerirle correttamente quando queste hanno una risoluzione troppo elevata. Per far si che tali immagini vengano accettate senza troppi problemi dai vari siti online, solitamente utilizzo Resize Master che non fa altro che ridurre la dimensione della foto seguendo alcuni parametri.

Ci sono diverse opzioni, ma per la maggior parte delle volte uso la modalità “Fit to rectangle” che rimpicciolisce la foto per far si che si adatti un rettangolo che formato da 3000 x 2000 pixel. Si possono inoltre impostare dei watermark, cambiare formati e decidere il livello di qualità dell’immagine finale.

Se invece devo solamente far si che le mie foto abbiano un peso minore per essere caricate online velocemente, allora uso un app ancora più semplice chiamata ImageOptim. Basta selezionare un gruppo di file, spostarlo sopra il programma e lei inizierà a lavorare. Si può impostare il livello di qualità finale per i formati jpg, png e gif.

TOTAL FINDER


Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

Se non avete mai usato questa applicazione sappiate che dal primo istante in cui la installerete, vi cambierà la vita. Total Finder va ad agire sul finder di sistema (file explorer di MacOS) per aggiungere delle importanti funzioni. Le opzioni di personalizzazione sono numerose ma io la utilizzo principalmente per 4 cose:

  • aggiunta di tab (stile Google Chrome) per navigare facilmente nel sistema e lavorare contemporaneamente con più cartelle aperte senza creare troppo disordine con troppe finestre;
  • affiancamento di tab per comodo per confrontare le diverse versioni di documenti;
  • opzione taglia nel menu del tasto destro
  • aggiunta di una barra di caricamento sull’icona della dock per aver una panoramica veloce mentre si copiano o spostano dei file.

EXTERNAL DISPLAY BRIGHTNESS


Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

Questa è l’ultima applicazione che ho scoperto anche perché non pensavo esistesse nulla del genere. Quando si usa un monitor esterno spesso ci si trova a dover cambiare la luminosità in base alle condizioni della stanza, specialmente durante le ore notturne per non avere un faro che ci acceca e distrugge la vista. Modificare questi parametri è però una delle operazioni più scomode e fastidiose in quanto i pulsanti posteriori sono sempre difficili da raggiungere e non si trovano mai al primo colpo.

External Display Brightness non fa altro che inviare questi comandi attraverso il cavo video e possiamo quindi aumentare o abbassare la luminosità dello schermo attraverso delle semplici combinazioni da tastiera. L’ho testato anche con un cavo Type C sul mio MacBook e ha funzionato correttamente, non è però accertata la compatibilità con tutti i monitor.

SKITCH


Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

Effettuare uno screenshot su macOS è sempre stata un operazione abbastanza semplice, ma con Skitch vengono aggiunte alcune funzioni che possono tornare utili in diverse occasioni. Con questa applicazione si può difatti effettuare una selezione dello spazio che vogliamo catturare, cosa possibile anche di sistema ma grazie a questa si può inserire manualmente i pixel da ritagliare senza dover puntare con il mouse.

Dopo aver effettuato lo screen si entra in modalità di “modifica” e qui possiamo aggiungere frecce di diversi colori, testo, evidenziare le scritte, dei bottoni di approvazione o negazione e infine la funzione più comoda è quella che vi permette di “pixxellare” alcune parti e torna utile quando dobbiamo mostrare una parte di un documento e vogliamo nascondere i nostri dati sensibili.

LULU


Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

Il periodo tecnologico attuale è sempre più caratterizzato da una crescente attenzione verso la cura della privacy. Gli utenti diventano sempre più esperti e Lulu potrebbe essere uno strumento utile per rafforzare la sicurezza dei nostri dati. Una volta che viene installato e dato l’accesso per l’avvio di sistema, Lulu andrà a mostrare una finestra pop-up ogni volta che un nuovo programma vuole connettersi a internet.

Viene quindi mostrato a quale server si sta tentando la connessione e possiamo decidere se approvare o negare l’operazione. Si può inoltre selezionare se dare i permessi temporaneamente o in via definitiva. Nel caso in cui abbiate commesso un errore è sempre possibile entrare nelle impostazioni per rivedere le preferenze.

POCK


Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

L’applicazione di Pock in realtà non è indirizzata proprio a tutti i possessori di un computer Apple, ma solo a coloro che possiedono un MacBook con touchbar perché questo programmino va ad agire sulle opzioni e la grafica della barra. Il suo funzionamento si basa su 5 widget:

  • Dock widget: viene clonata la dock che abbiamo su schermo e possiamo impostare se mostrare solo i programmi aperti, le notifiche e le finestre multiple;
  • Now Playing widget: gestione rapida delle tracce in riproduzione su Spotify, Apple Music, VLC, etc;

  • ESC widget: per mostrare il tasto ESC sui MacBook di cui ne sono privi fisicamente;

  • Status widget: da indicazioni rapide sullo stato del WiFi, batteria e orario;

  • Control Center widget: per controllare rapidamente il volume e la luminosità dello schermo senza doversi affidare allo slider.

Il programma è gratuito ed è stato sviluppato da un ragazzo italiano.

COLOR TAG GEN


Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

Per chi fa lavori di grafica spesso trovare il colore giusto può essere più difficile di quanto ci si aspettasse. L’applicazione Colore Tag Gen ci viene in aiuto perchè permette di conoscere facilmente quale colorazione è mostrata in un determinato punto del nostro schermo. L’interfaccia è abbastanza scarna ma una volta avviata si sovrappone a ciò che siamo facendo e tramite un selettore possiamo identificare la tinta desiderata e questa verrà mostrata sia con valori RGB sia con il codice HTML.

DOZER


Le 10 applicazioni per MacOS che non devono mancare sul vostro computer Apple

Infine l’ultima applicazione Dozer mette un po’ di ordine nella barra dei menu che con tutti questi programmini si sarà riempita di inutili icone. Una volta installata verrano mostrati altri due “punti” nel menu alto e questi avranno due scopi: quello di destra serve come input per avviare il sistema. La seconda a sinistra si usa come punto di partenza da cui in poi le icone verranno nascoste.

Dozer è molto stabile e non crea problemi. L’ho testata anche sul nuovo MacOS Big Sur ed è già da ora compatibile, cosa non scontata visto lo stravolgimento che il sistema operativo ha subito.

VIDEO

No Comments

Post A Comment