Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo | Web Agency Brescia
8950
post-template-default,single,single-post,postid-8950,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo


C81 è un televisore della gamma QLED 2020 di TLC dotato di Android TV, pannello con risoluzione 4K e frequenza di aggiornamento di 100 Hz; ha una soundbar integrata realizzata in collaborazione con Onkyo e un prezzo decisamente allettante. Sono necessari 799,99 euro per acquistare il modello da 55 pollici e 1199,99 euro per quella da 65 pollici che abbiamo provato nelle ultime settimane del periodo estivo.

Un uso intenso da relax che ci ha permesso di apprezzare i pregi di questo modello e di individuare i piccoli compromessi necessari per mantenere un prezzo competitivo. È un televisore che si fa apprezzare, con un supporto moderno e stiloso che si adatta a diversi ambienti e cornici in metallo che lo rendono elegante e pregiato alla vista.

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo

MATERIALI E DOTAZIONE

Meglio essere in due. Nel momento in cui arriva a casa la maestosa confezione del TCL C81 è meglio farsi aiutare per l’installazione. Il televisore è infatti rastremato alle estremità. Il punto più sottile, ovvero nelle parti laterali e in quella alta, misura 0,9 centimetri, quello più spesso 6,2 centimetri. Dimensioni che, unite alla diagonale da 65 pollici, esigono una certa cautela.

Non aiuta in tal senso il bellissimo supporto che fa affidamento su tre gambe in metallo, due anteriori e una posteriore. Per installarle è necessario appoggiare il televisore su una superficie oppure capovolgerlo, operazione ad alto rischio se non la si fa in due. Una volta montato e installato però è impossibile non apprezzarne le linee, perlomeno nella parte frontale. Bordi molto sottili, cornice in metallo e una pregiata soundbar firmata Onkyo con rivestimento in tessuto che fa sembrare il televisore di una fascia di prezzo più alta.

La parte posteriore è invece un po’ meno raffinata. Le plastiche abbondano e le finiture sono da prodotto di fascia media con qualche sbavatura di stampaggio qui e là. Poco male, una volta installato su un mobile per TV o a parete non si vedranno più.

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo

Nella confezione ci sono ben due telecomandi, ognuno dotato delle sue batterie. Il primo ha un design tradizionale, molto lungo e con tastoni in gomma che, seppur banali, risultano intuitivi da memorizzare. Il secondo è invece realizzato in alluminio, più pregiato e bello e più orientato per un utilizzo della parte smart del televisore. Ci sono i tasti per il volume, per cambiare programmi, il D-Pad e ulteriori due pulsanti rispettivamente dedicati a Netflix e all’attivazione dell’assistente vocale Google.

CONNETTIVIT

Che vogliate installare il televisore su un mobile o a parete, il posizionamento dei pulsanti e delle porte scelto da TCL permette di gestire al meglio i cavi ed evitare situazioni spiacevoli. Sul lato sinistro c’è infatti l’attacco per il cavo di alimentazione, sul lato opposto le altre porte. In questo modo risultano facili da raggiungere. Ci sono due USB 2.0, tre HDMI di cui una ARC, un ingresso Ethernet, connettore per antenna, satellite, adattatore AV, uscita audio ottica e uscita cuffie con jack da 3,5 millimetri.

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo

Un po’ più in basso un piccolo switch permette di abilitare o disabilitare i microfoni destinati all’uso dell’assistente vocale, e c’è anche un grande tasto di accensione facile da raggiungere. Non mancano il Bluetooth e il Wi-Fi.

QUALIT VIDEO

Il pannello QLED da 65 pollici 4K ha alcune peculiarità che non sono molto diffuse soprattutto in questa fascia di prezzo. Una di queste è senza ombra di dubbio la frequenza di aggiornamento di 100Hz. È compatibile con HDR10+ e Dolby Vision. La possibilità di visualizzare contenuti a risoluzione più bassa del 4K è data dall’opzione UHD Super Resolution.

Cosa significano però tutte queste sigle e qual è l’esperienza finale che ci si può aspettare? I colori sono riprodotti in maniera ottimale e, soprattutto con quelle fonti che hanno nel loro catalogo contenuti in HDR e Dolby Vision, le immagini regalano un ottimo contrasto e nitidezza. Tutto sommato l’esperienza è godibile e l’immersione garantita. Buona anche la luminosità massima del televisore così come i neri che, pur non raggiungendo la perfezione degli OLED, sono piuttosto intensi.

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo

Dalle impostazioni è possibile scegliere alcuni preset per regolare la gradazione dell’immagine. A nostro parere le migliori sono “Standard” e “Miglioramento HDR”, quest’ultima da usare solo con i contenuti compatibili. La modalità Cinema diminuisce la saturazione e fa diventare i colori troppo caldi, mentre Sport e Dynamic hanno l’effetto contrario e i colori risultano fin troppo brillanti.

L’esperienza visiva non è però perfetta. Nelle scene con molto contrasto è possibile notare qualche artefatto visivo e un po’ di grana. In quelle più dinamiche e con veloci movimenti, si perde qualche dettaglio e anche in questo caso l’immagine tende a sgranare un po’. Andando nelle impostazioni è possibile limitare questo fenomeno abilitando la modalità immagine “Sport” e abilitando la voce “LED per nitidezza movimenti” che dovrebbe essere la traduzione per il Black Frame Insertion. In questo caso la situazione migliora, ma con immagini molto luminose, per esempio l’inquadratura su un cielo terso, causa qualche sfarfallio non proprio gradevole.

Questi fenomeni sono causati probabilmente da un Local Dimming di fascia media con un numero di zone dedicate alla retroilluminazione non sufficiente a garantire una visione ottimale ma anche dalla frequenza di aggiornamento di 100Hz che non aiuta se vengono riprodotti contenuti nativamente realizzati a 24, 30 o 60 fps.

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo

L’upscaling va attivato dalle impostazioni e permette di poter visualizzare senza grosse perdite di qualità contenuti a risoluzione inferiore. In questo caso l’esperienza varia molto a seconda del contenuto originale.

Discorso inverso invece per quanto riguarda i videogiochi. Il TCL C81 collegato a una console o a un computer garantisce un’esperienza ludica di buon livello proprio grazie alla frequenza di aggiornamento elevata e fa l’occhiolino a tutti quei videogiocatori che cercano una soluzione dall’ottimo rapporto tra prezzo e prestazioni.

QUALIT AUDIO

La soundbar Onkyo aiutata dal woofer posizionato nella parte posteriore crea un sistema 2.1 con una potenza complessiva di 35 Watt. 10 Watt per ciascun tweeter e 15 Watt per il woofer. Tale suddivisione consente di avere anche un’ottima riproduzione delle frequenze. Medi, alti e bassi sono molto precisi e nitidi e non si arriva mai a distorsione anche con volumi più alti.

Tramite le impostazioni è possibile personalizzare l’ascolto potendo selezionare tra diversi preset. Abbiamo avuto un’esperienza soddisfacente con la modalità “Dynamic”, soprattutto durante la visione di film e serie TV, mentre per un utilizzo quotidiano o per la visione di documentari e telegiornali la modalità “Standard“ con chiarezza vocale impostata su “Media” riesce a garantire una riproduzione della voce ottimale e sempre chiara.

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo

Non c’è di che lamentarsi per quanto riguarda la qualità, buona soprattutto se consideriamo la fascia di prezzo. Avremmo gradito solo un po’ di potenza in più. In un appartamento con un open space da 45 metri quadrati, abbiamo spesso alzato il volume oltre l’80% per poter avere quell’effetto cinema che ci si aspetta quando si sceglie un televisore con queste diagonali.

ESPERIENZA SOFTWARE

TCL C81 è dotato di Android TV 9.0 che porta con sé tutta una serie di vantaggi dell’ecosistema Google. Ci sono la Chromecast integrata, il Play Store, l’assistente vocale incluso e la compatibilità con tutti i servizi di streaming digitale, tra cui Amazon Prime Video, Disney Plus, Netflix, Rakuten TV, Dailymotion e tanto altro ancora.

Un software che abbiamo già avuto modo di provare su altri televisori e che difficilmente riesce a dare grattacapi nell’esperienza d’uso. TCL C81 ha però qualche limite lato hardware che non permette di sfruttarne appieno tutti i vantaggi e di tanto in tanto si può presentare qualche bug che rallenta il normale utilizzo del dispositivo.

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo

Con Amazon Prime Video abbiamo avuto un’esperienza altalenante: l’interfaccia è soggetta a repentini rallentamenti e anche selezionare la lingua o abilitare i sottotitoli si può trasformare in un’attesa più lunga del previsto. Qualche bug si è presentato anche durante la navigazione nella Home o con altre applicazioni.

Manca dunque un po’ di fluidità e riscontrare rallentamenti è un avvenimento abbastanza frequente.

GOOGLE ASSISTANT E AMAZON ALEXA

La compatibilità con Google Assistant e Amazon Alexa è presente ma i due assistenti vocali si comportano in maniera diversa. Quello più limitato è Alexa. Tramite un dispositivo Echo si possono infatti eseguire comandi vocali molto semplici, come passare al canale successivo, regolare il volume o spegnere il televisore. La skill per Alexa è piuttosto basica e al momento non è un’integrazione in grado di fare la differenza.

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo

Google Assistant permette di fare molte più cose. Si può lanciare un’applicazione, aprire una serie TV, accendere o spegnere il televisore, attivare la modalità Ambient e tanto altro ancora. I microfoni integrati però non recepiscono molto bene la nostra voce, soprattutto quando siamo distanti dal televisore e talvolta siamo andati incontro a qualche comando non compreso. In generale l’integrazione con i comandi vocali non è al massimo delle possibilità e spesso per fare qualsiasi operazione è più intuitivo prendere il telecomando che attivare Google Assistant o Amazon Alexa.

CONCLUSIONI

TCL C81 è un televisore che ha dalla sua un ottimo pannello e un design accattivante ma che si posiziona in piena fascia media. Il rapporto tra prezzo e prestazioni è allettante, soprattutto nella variante da 55 pollici con un listino di 799,99 euro, già in offerta a 749,99 euro su Amazon. L’esperienza è comunque godibile, con un pannello e un comparto audio di buona qualità.

I compromessi ci sono, soprattutto per quanto riguarda la reattività del software, ma considerando la fascia di prezzo e la compatibilità con HDR10+, Dolby Vision e Dolby Atmos, TCL C81 può essere una valida alternativa per chi cerca un prodotto in grado di offrire buone prestazioni tanto nell’uso quotidiano che in quello con i videogiochi.

Recensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo Esperienza software altalenanteRecensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo Qualche artefatto nelle scene pi movimentateRecensione TCL C81: QLED 4K a 100Hz dal prezzo competitivo La compatibilit con Alexa basilare

No Comments

Post A Comment