TUC.Technology: al Museo dell'Automobile di Torino l'auto connessa del futuro | Web Agency Brescia
8971
post-template-default,single,single-post,postid-8971,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

TUC.Technology: al Museo dell’Automobile di Torino l’auto connessa del futuro

TUC.Technology: al Museo dell'Automobile di Torino l'auto connessa del futuro

TUC.Technology: al Museo dell’Automobile di Torino l’auto connessa del futuro


Da ieri 11 settembre è esposta al Museo Nazionale dell’Automobile di Torino TUC.Technology, una piattaforma per l’auto elettrica e connessa del futuro nata partendo dal pianale MEB sviluppato dal Gruppo Volkswagen. Realizzata dalla società TUC fondata da Ludovico Campana e Sergio Pininfarina, punta a rivoluzionare la costruzione dei veicoli elettrici.

Si basa su di una tecnologia che permette di unificare tutti i circuiti elettronici, software e decine di cavi destinati ciascuno ad alimentare sedili, plance, navigatore, in una logica plug and play, per creare un’auto completamente personalizzabile tramite un connettore universale.

Secondo la società, il connettore modulare e Plug&play “TUC plug” è implementabile in fase progettuale nel telaio delle comuni autovetture: grazie a questo elemento è possibile ancorare in sicurezza, alimentare e connettere qualsiasi componente costituente l’interno del veicolo, dai sedili alle plance, dai display ai devices, così da rendere l’esperienza della mobilità su misura per ciascun utente.

Gli obiettivi sono quelli di ridurre drasticamente costi e tempi di assemblaggio dei veicoli, mantenendo il rispetto delle leggi vigenti in materia di sicurezza e rendendo così TUC.technology una soluzione omologabile. Grazie ad una serie di partner tra cui Bosch Adient e Sabelt, è stato già possibile creare i primi componenti compatibili per questa piattaforma.

No Comments

Post A Comment