GeForce RTX 3090: nuovo record mondiale con GPU overcloccata del 50% | Web Agency Brescia
9171
post-template-default,single,single-post,postid-9171,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

GeForce RTX 3090: nuovo record mondiale con GPU overcloccata del 50%

GeForce RTX 3090: nuovo record mondiale con GPU overcloccata del 50%

GeForce RTX 3090: nuovo record mondiale con GPU overcloccata del 50%


C’era da aspettarselo. La nuova NVIDIA GeForce RTX 3090 annunciata ufficialmente ieri (QUI la nostra recensione della versione MSI Gaming X Trio) non si è fatta attendere e, nelle prime tornate di test, ha già mostrato un notevole potenziale, “coccolata” dalle mani del noto overclocker Vince Lucido (in arte Kingpin).

Essendo da anni nel team di EVGA e avendo addirittura un modello che porta il suo nome, Kingpin non ha avuto certo problemi a reperire la scheda e strapazzarla per bene, affiancandola tra l’altro a un Intel Core i9-10900KF.

GeForce RTX 3090: nuovo record mondiale con GPU overcloccata del 50%

Per l’occasione la scheda è stata ovviamente raffreddata ad azoto liquido, raggiungendo la stratosferica frequenza di 2,58 GHz sulla GPU con una tensione regolata a 1069 mV. Si tratta di un overclock notevole che si traduce in un incremento del 52% rispetto alle specifiche di NVIDIA. Anche le memorie sono state overcloccate da 19,5 Gbps a 21,5 Gbps, ossia il 10,3% in più della variante Founders Edition.

GeForce RTX 3090: nuovo record mondiale con GPU overcloccata del 50%

Con la GeForce RTX 3090 così impostata e il Core i9-10900KF a 5,2 GHz (raffreddato al momento a liquido), il primo record del mondo è arrivato facilmente: 16.673 punti nel pesante benchmark 3DMark Port Royal, punteggio che risulta circa il 30% superiore a quello che può fare una GeForce RTX 3090 con impostazioni di fabbrica.

Questo ovviamente è solo l’inizio, non solo perchè il setup utilizzato potrebbe offrire ulteriori ottimizzazioni (ad esempio raffreddare anche la CPU ad azoto liquido), ma anche e soprattutto perché altri overlcocker – sponsorizzati da altri brand – non perderanno tempo per cercare di battere il nuovo record.

No Comments

Post A Comment