OSIRIS-Rex, prove tecniche di touchdown sull'asteroide Bennu | Web Agency Brescia
9173
post-template-default,single,single-post,postid-9173,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

OSIRIS-Rex, prove tecniche di touchdown sull’asteroide Bennu

OSIRIS-Rex, prove tecniche di touchdown sull'asteroide Bennu

OSIRIS-Rex, prove tecniche di touchdown sull’asteroide Bennu


Era da un po’ che non ne parlavamo, ma le tempistiche per l’avvio della missione di prelievo campioni dall’asteroide Bennu sono sempre più strette. Il primo veicolo spaziale prodotto dalla NASA ha terminato le ultime fasi di test e si prepara per il touchdown.

Come riportato dall’agenzia nel comunicato ufficiale, ad agosto la missione ha eseguito il test Matchpoint, la seconda prova pratica dell’evento di raccolta dei campioni Touch-and-Go (TAG). Una prova simile a quella effettuata il 14 aprile e chiamata Checkpoint ma con ben 3 prove di discesa. La manovra chiamata Matchpoint burn ha avvicinato la sonda ancora di più al sito campione Nightingale, raggiungendo un’altitudine di circa 40 m prima di indietreggiare dall’asteroide.

L’immagine in testata offre un’idea della traiettoria che OSIRIS-REx terrà per le operazioni di prelievo, questa seconda prova ha offerto al team di controllo la possibilità di familiarizzare ulteriormente con le sequenze di discesa, raccolta tramite braccio robotico e risalita, verificando nel contempo che i sistemi di imaging, navigazione e rilevamento del veicolo spaziale funzionino a dovere.

Il primo tentativo di raccolta campioni è stato programmato il prossimo 20 ottobre. Durante questo evento il sistema di campionamento di OSIRIS-REx toccherà la superficie di Bennu per circa cinque secondi, sparando una carica di azoto pressurizzato per smuovere il terreno e raccogliendo un campione prima che l’astronave indietreggi. Il veicolo spaziale dovrebbe riportare il campione sulla Terra il 24 settembre 2023. Per maggiori informazioni vi rimandiamo alla lettura dell’articolo originale in FONTE, mentre qui potete trovare le prime fotografie del sito di prelievo condivise 2 mesi fa dalla NASA. Vi lasciamo alla clip NASA di introduzione dell’evento di raccolta campioni.

Nota: aggiornato al 26/09 con ufficializzazione data e video

No Comments

Post A Comment