Hyper Scape, Ubisoft ammette il fallimento: ma ha un piano per salvarlo | Web Agency Brescia
9287
post-template-default,single,single-post,postid-9287,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Hyper Scape, Ubisoft ammette il fallimento: ma ha un piano per salvarlo

Hyper Scape, Ubisoft ammette il fallimento: ma ha un piano per salvarlo

Hyper Scape, Ubisoft ammette il fallimento: ma ha un piano per salvarlo


A luglio Ubisoft si è buttata nella mischia dei Battle Royale con Hyper Scape. Le cose all’inizio sembravano andare bene, ma poi hanno preso in fretta un’altra piega: brutta. Così brutta da costringere la software house francese a correre ai ripari per salvare un titolo su cui punta molto: fin dall’inizio è stato chiaro che l’intenzione sul lungo termine è di farne qualcosa in più di un gioco, ma una piattaforma aggregativa sulle orme di sua maestà Fortnite. In un comunicato diramato sul sito ufficiale (lo trovate al link in FONTE), la questione viene esposta in maniera molto limpida:

Mentre il lancio di luglio in open beta su PC è stato un successo, non siamo stati in grado di raggiungere le alte aspettative che ci eravamo imposti con l’uscita completa su console che è arrivata ad agosto. Sappiamo anche di non aver soddisfatto nemmeno le alte aspettative dei nostri giocatori, e per questo abbiamo deciso di muoverci.

A quanto pare il problema principale risiede nell’eccessiva difficoltà del gioco: la barriera iniziale è troppo alta per conquistare le masse di videogiocatori, la curva di apprendimento troppo ripida. Chi dedica tempo al gioco e supera le prime difficoltà si diverte e tende a restare, ma in tanti – troppi- gettano la spugna presto. E allora serve cambiare. Ubisoft ha perciò stilato un piano preciso, suddiviso in cinque punti, per invertire le sorti di Hyper Scape.

E quindi l’obiettivo è quello di sfoltire il gameplay, rendendolo meno confusionario e più diretto, con un numero inferiore di abilità iniziali che permetta al giocatore di poterle sperimentare ed assimilare tutte. Importante sarà anche l’introduzione spazi e modalità dove chi ha appena iniziato può allenarsi senza l’ansia e la frustrazione che deriva dall’essere catapultati immediatamente in un ambiente competitivo. Al contempo, aumenteranno gli obiettivi a lungo termine, in modo che anche i giocatori più smaliziati non si annoino alla lunga, e abbiano sempre una motivazione per continuare a giocare.

Insomma, Ubisoft sta lavorando per non scoraggiare i nuovi giocatori, senza però annoiare quelli navigati: se non ci riuscirà, il rischio e che Hyper Scape possa rivelarsi un bel buco nell’acqua (e nel bilancio).

No Comments

Post A Comment