YouTube su Android: lo scrolling cambia per evitare un difetto fastidioso | Web Agency Brescia
9544
post-template-default,single,single-post,postid-9544,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

YouTube su Android: lo scrolling cambia per evitare un difetto fastidioso

YouTube su Android: lo scrolling cambia per evitare un difetto fastidioso

YouTube su Android: lo scrolling cambia per evitare un difetto fastidioso


Almeno una volta è capitato a tutti: stiamo guardando un video su YouTube, vogliamo impostare lo schermo intero, e finiamo invece per interagire involontariamente con la timeline e portare il video alla fine. Un problema noto da tempo a Google, e dovuto al fatto che il tasto dedicato alla modalità schermo intero è posto in basso a destra, poco sopra la barra di scorrimento: per questo è facile sbagliarsi.

Ora però le cose cambiano: per risolvere il disagio, il colosso di Mountain View ha pensato di introdurre con l’ultimo aggiornamento di YouTube per Android la stessa soluzione che da sempre ha adottato nella versione per dispositivi iOS dell’app. Ovvero legare lo scrolling ad una pressione prolungata, seguita poi da un movimento a sinistra o a destra rispetto al punto di partenza. In questo modo un solo tocco accidentale nella zona appena sotto il pulsante che attiva lo schermo intero non produrrà più alcun disagio.

Curiosamente, non si tratta di una novità assoluta, ma di un cambiamento che Google aveva già introdotto nel 2018, e poi rimosso in seguito a un ripensamento. L’update è in fase di distribuzione lato server, e il fatto che non sia stata annunciato apertamente ha creato una certa confusione nell’utenza: in tanti, non riuscendo più a saltare da una parte all’altra dei video come in precedenza, hanno pensato di avere a che fare con un bug.

Inoltre, pare che rispetto alla soluzione introdotta nel 2018 quella attuale presenti qualche problematica legato a un continuo buffering durante lo scorrimento che rende quindi l’esperienza meno fluida. Se siete interessati alle tante novità che invece Google ha scelto di annunciare, date un’occhiata al nostro articolo riepilogativo del recente evento Search On.

No Comments

Post A Comment