MagSafe: velocit di ricarica e compatibilit con altri smartphone | Web Agency Brescia
9589
post-template-default,single,single-post,postid-9589,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

MagSafe: velocit di ricarica e compatibilit con altri smartphone

MagSafe: velocit di ricarica e compatibilit con altri smartphone

MagSafe: velocit di ricarica e compatibilit con altri smartphone


Assieme agli Phone 12, Apple ha presentato una nuova serie di accessori, riesumando un marchio storico: MagSafe. Oltre alle cover, è già disponibile all’acquisto un alimentatore wireless dalla caratteristica forma circolare. Il funzionamento è molto semplice: basta avvicinarlo al retro di uno degli ultimi melafonini e lasciare che il resto lo facciano i magneti.

Dal momento che iPhone 12, come noto, non include più l’alimentatore tradizionale nella confezione (e neppure le cuffie EarPods), chi non ne possiede già uno potrebbe essere affascinato da questa nuova soluzione, anche se più dispendiosa (45 euro contro i 25 di quello cablato, il cui prezzo è stato tagliato di 10 euro). Ma come si comporta il caricatore MagSafe all’atto pratico?

Come spiegato da Apple, l’aderenza garantita dai magneti serve anche ad incrementare l’efficienza della ricarica, che si spinge a 15W solo con MagSafe, e non con i caricatori Qi. Secondo la recensione di iPhone 12 del Wall Street Journal, la ricarica è lenta più della metà rispetto a quella effettuata col caricatore cablato da 20W, impiegando 1 ora a portare lo smartphone al 50%.

I colleghi di MacWorld invece hanno voluto provare ad utilizzare il nuovo alimentatore anche con altri smartphone, per capire a quali si attacca (letteralmente), e con quali risultati. A quanto pare c’è feeling con Samsung Galaxy Note 20 Ultra e S10+: l’accessorio aderisce bene alla scocca e ricarica correttamente i dispositivi. Idem per quanto riguarda Pixel 4 XL, mentre curiosamente su Pixel 5 c’è l’aggancio ma senza che si attivi la ricarica.

Per quanto riguarda altri modelli di iPhone, invece, niente magia magnetica, la piastrina del caricatore MagSafe scivola via lungo la scocca senza mai aderire. I due dispositivi testati, iPhone 11 e l’economico SE, comunque si ricaricano, ma non in maniera tale da poterne consigliare l’acquisto.

(aggiornamento del 23 ottobre 2020, ore 13:17)

No Comments

Post A Comment