OSIRIS-REx sta disperdendo i campioni di asteroide, la NASA rassicura | Web Agency Brescia
9609
post-template-default,single,single-post,postid-9609,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

OSIRIS-REx sta disperdendo i campioni di asteroide, la NASA rassicura

OSIRIS-REx sta disperdendo i campioni di asteroide, la NASA rassicura

OSIRIS-REx sta disperdendo i campioni di asteroide, la NASA rassicura


Dopo aver seguito l’evento e condiviso con voi le prime immagini del touch-and-go, alla NASA si comincia a tirare le somme sull’operazione di raccolta di campioni dall’asteroide Bennu. Sebbene il viaggio di ritorno verso casa sarà lungo e non se ne riparlerà prima del 2023, l’agenzia spaziale ha condiviso un nuovo aggiornamento con un tweet, rivelando che la raccolta dei campioni dovrebbe essere stata decisamente fruttuosa, così tanto da causare un’anomalia nel sistema di chiusura del contenitore.

Finchè non li avremo fisicamente qui sarà difficile essere più precisi, ma una GIF condivisa dall’agenzia spaziale all’interno del post offre nuovi dettagli.

Risulta ben evidente il dispositivo di raccolta ed il materiale roccioso in uscita, è plausibile che alcune rocce di grandi dimensioni abbiano tenuto aperto un lembo del sistema di chiusura lasciando che i pezzi di dimensioni minori fuoriescano. In sostanza, il contenitore starebbe traboccando, segno di un eccesso di zelo da parte del braccio robotico nel fare il suo lavoro.

“Siamo stati quasi una vittima del nostro stesso successo qui”, ha detto Dante Lauretta, l’investigatore principale per la missione OSIRIS-REx presso l’Università dell’Arizona, durante una conferenza stampa. Ora il team responsabile cercherà di riporre i campioni nella pancia della navicella, in modo tale da non disperdere troppo materiale nello spazio.

Le prime stime affermano che OSIRIS-REx è stata in grado di raccogliere almeno 400 gr di materiale, le dimensioni delle rocce sono variabili e quelle più grosse sarebbero alla radice del problema sopra descritto. Ne sapremo di più nei prossimi giorni, attendiamo nuove comunicazioni da parte della NASA.

No Comments

Post A Comment