Samsung, morto il presidente Lee Kun-hee che l'ha resa un colosso mondiale | Web Agency Brescia
9620
post-template-default,single,single-post,postid-9620,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Samsung, morto il presidente Lee Kun-hee che l’ha resa un colosso mondiale

Samsung, morto il presidente Lee Kun-hee che l'ha resa un colosso mondiale

Samsung, morto il presidente Lee Kun-hee che l’ha resa un colosso mondiale


“Piangiamo un visionario, la sua eredità sarà eterna”. Con queste parole Samsung Electronics ha annunciato la morte del suo presidente, Lee Kun-hee, dopo un ricovero ospedaliero durato anni a seguito di un attacco di cuore avvenuto nel 2014. Da allora le sue condizioni sono sempre state avvolte nel mistero e la famiglia non ha fornito dettagli sulle circostanza del decesso.

Lee Kun-hee aveva 78 anni ed oltre a essere l’industriale più ricco e potente della Corea del Sud, con un patrimonio personale stimato in 21 miliardi di euro, è stato sempre considerato l’artefice della trasformazione di Samsung da produttore di ‘noodles’ a colosso mondiale leader nell’elettronica di consumo e microprocessori oltre che edilizia, cantieristica navale, finanza e assicurazioni.

Lee Kun-hee parlava raramente con i media ed aveva una vita molto riservata, un sorta di auto reclusione che gli aveva fatto guadagnare il soprannome di “re eremita”.

Dopo aver ereditato nel 1987 dal padre la presidenza di quella che era già la più grande conglomerata coreana a conduzione familiare (‘chaebol’), Lee è stato capace di portare Samsung a un fatturato complessivo che da solo rappresenta un quinto del Pil della Corea del Sud, nonché il 20% del suo export, la dodicesima economia più grande al mondo destinata, secondo le stime dell’Ocse, a salire al nono posto anche per l’effetto della pandemia.

La sua enorme ricchezza e i legami con l’élite sudcoreana l’hanno portato spesso ad essere considerarlo l’uomo più potente del paese. Ma Lee Kun-hee è stato anche al centro di diversi scandali finanziari ed intrecci politici poco chiari che gli sono costati due condanne per corruzione ed evasione fiscale ma è stato sempre graziato da ex presidenti del paese.

Con la morte di Lee Kun-hee, al suo posto dovrebbe subentrare ufficialmente il figlio Lee Jae-yong, già attuale vicepresidente e leader di fatto di Samsung Electronics da quando il padre è stato colpito da infarto, ma i suoi problemi giudiziari potrebbero rendere la situazione più complessa.

No Comments

Post A Comment