Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro | Web Agency Brescia
9674
post-template-default,single,single-post,postid-9674,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro

Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro

Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro


Realme sta interpretando a suo modo la fascia medio-bassa con due smartphone diversi ma accomunati dalla stessa filosofia: pochi compromessi e almeno una caratteristica di fascia superiore.

Ecco quindi Realme 7 Pro e Realme 7, il primo come abbiamo già visto nella recensione ha uno schermo AMOLED e una ricarica rapidissima a 65 Watt, il secondo invece si distingue per la presenza di uno schermo FullHD con frequenza di aggiornamento di 90 Hz.


Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro




Android
13 Ott



Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro




Android
06 Ott


Oltre allo schermo però c’è uno smartphone equilibrato e supportato da una batteria portentosa, Realme 7 è un candidato ottimo per tutti coloro che non hanno esigenze particolari ma non vogliono rinunciare ad una buona esperienza di utilizzo, vediamolo più nel dettaglio.

INDICE

MATERIALI E DESIGN


Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro

Realme 7 è uno smartphone bello grande, con un design lineare e gradevole. Immediatamente la prima sensazione è quella di un prodotto un po’ spesso e i numeri lo confermano: 9,4 mm per un peso di 195 grammi, non proprio maneggevole insomma.

La scocca è completamente in plastica ben rifinita e solida, senza scricchiolii o punti che suonano vuoti. Sul lato destro è presente il tasto di accensione con incastonato il lettore di impronte digitali, sul lato sinistro il bilanciere del volume e il cassettino con supporto per due nano SIM e una micro SD, in basso porta jack audio e porta type-c.

Sulla scocca posteriore trova posto il gruppo ottico con 4 fotocamere disposte a semaforo rialzato di poco meno di 1 mm, frontalmente tre lati sono simmetrici mentre il “mento” è un po’ più spesso. L’angolo in alto a sinistra ospita il foro per la fotocamera frontale.

Considerate la posizione del lettore di impronte prima dell’acquisto, se siete mancini farete molta fatica ad utilizzarlo viste le dimensioni generali del dispositivo, nonostante comunque la precisione e la velocità del riconoscimento siano ottime.

DISPLAY A 90 HZ


Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro

E’ la carta vincente di questo Realme 7, quella caratteristica da fascia superiore che lo distingue dai numerosi competitor tutti più o meno simili.

Il pannello è un FullHD da 6,5 pollici LCD in 20:9 con frequenza di aggiornamento a 90 Hz. Uno schermo così cambia tutto su questa fascia di prezzo perché permette di ottenere quella fluidità che altrimenti sarebbe impossibile da apprezzare con un hardware non di gamma alta.

Meglio un AMOLED a 60Hz o un LCD a 90Hz? La domanda ricade direttamente sui due modelli presentati di Realme, 7 e 7 Pro. Dopo averli utilizzati per diversi giorni entrambi non sono riuscito ad arrivare ad una conclusione. Sono piacevoli e con alcuni punti di forza e di debolezza. I neri profondi sono appannaggio del Pro, la fluidità è dalla parte del modello normale. Certo il rapporto qualità/prezzo pende dalla verso Realme 7, su questo pochi dubbi.

Il display fa il paio con la porta jack audio da 3,5 mm, il Bluetooth 5.0 e uno speaker mono di buon livello. Convincente dunque l’esperienza multimediale nella sua globalità.

SCHEDA TECNICA ED ESPERIENZA D’USO


Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro

SCHEDA TECNICA

  • display: 6,5″ FHD+, refresh rate 90Hz, sampling a 120Hz, rapporto schermo-scocca 90,5%, 405ppi
  • processore: MediaTek Helio G95
  • memoria:
    • 6/8GB di RAM LPDDR4X
    • 64/128GB interna UFS 2.1 espandibile
  • sensore delle impronte digitali: laterale
  • fotocamera anteriore: 16MP Sony IMX471, f/2,1
  • fotocamere posteriori:
    • 64MP di 2a gen. Sony IMX682, f/1,8, 1/1,73″
    • 8MP grandangolare, 16mm eq., FOV 119°, f/2,3
    • bianco e nero, f/2,4
    • macro, distanza 4cm, f/2,4
    • modalità: starry mode, night filter, UIS e UIS Max, ultra wide angle video
  • slot: 3 (2x SIM, 1x microSD)
  • connettività: 4G LTE, WiFi 802.11ac, Bluetooth 5.0, GPS, Beidou, Glonass
  • colorazioni: Mist White, Mist Blue
  • dimensioni e peso:
  • OS: Android 10 con realme UI
  • batteria: 5.000mAh con ricarica rapida a 30W Dart Charge (da 0 a 100% in 65 minuti), Super Power Saving Mode
Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro

Realme 7 è uno smartphone che funziona sorprendentemente bene, in tutto. Bisogna passare oltre alle dimensioni oversize, accettarle in qualche modo, ma superato questo scoglio ci si troverà per le mani uno smartphone capace di darvi ottime garanzie per l’utilizzo quotidiano.

Il processore, evoluzione del G90 tanto apprezzato su Redmi Note 8 Pro, non teme le applicazioni più pesanti e si fa ben valere anche nei giochi. La memoria non manca mai ed è veloce, il software ben ottimizzato. Un sapiente mix di componenti studiato per rendere Realme 7 uno smartphone consistente, mai in apnea di bit e discretamente reattivo anche nei task più complessi.

In questi giorni sto usando anche iPhone 12 Pro ed è impossibile non farsi qualche domanda, ma prendo iPhone per puro caso, il discorso sarebbe lo stesso anche per uno qualsiasi dei top di gamma Android.

Tutto bene anche sul fronte telefonico, due sim e una buona ricezione, nessun problema con il Bluetooth, presente il modulo NFC e tutto liscio anche con il tanto problematico Android Auto. Insomma, Realme 7 è uno di quei prodotti affidabili ed esaurienti per tutte le necessità classiche di uno smartphone.

Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro

REALME UI

Un software che già con Realme 7 Pro mi ha fatto ricredere sul pregiudizio che avevo, alterna tante funzionalità con una buona dose di personalizzazioni e una cura grafica inaspettata. Si possono clonare le app, sfruttare un’estensiva modalità gaming, moltissime gesture per compiere diverse azioni, una barra laterale con scorciatoie per app e azioni, un tema scuro ben fatto e zero pubblicità, bloatware e inviti fastidiosi per l’accesso a servizi.

Le applicazioni preinstallate sono quelle di Google, con giusto le aggiunte per fotocamera e album, ottima scelta.

AUTONOMIA


Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro

50.00 mAh tondi per Realme 7 e guarda a caso è proprio la stessa batteria della maggior parte dei suoi competitor diretti. L’autonomia è super, almeno 7 ore di display attivo e quasi sempre due giornate piene di utilizzo.

E’ il risvolto positivo dell’avere dimensioni e peso impegnativi, perlomeno l’autonomia permette di lasciare il power bank nel cassetto a cuor leggero.

Non c’è la ricarica wireless, non che fosse richiesta su questa fascia di prezzo, in compenso l’alimentatore da 30 watt viaggia veloce da 0 a 50% in poco più di 25 minuti, mica male per una batteria così capiente.

COMPARTO FOTOGRAFICO


Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro

Nessuna sorpresa particolare sul comparto foto di Realme 7 che sembra “copia/incollato” da quello della maggior parte degli smartphone proposti attorno ai 200 euro.

Una fotocamera principale capace di districarsi bene in tutte le situazioni, una ultrawide da usare all’occorrenza e un paio di sensori per fare numero. Più precisamente i sensori sono questi:

  • 64MP di 2a gen. Sony IMX682, f/1,8, 1/1,73″
  • 8MP grandangolare, 16mm eq., FOV 119°, f/2,3
  • bianco e nero, f/2,4
  • macro, distanza 4cm, f/2,4

Le foto con l’obiettivo principale sono ottime, mi hanno stupito soprattutto di notte dove con un po’ di mano ferma ci si può togliere delle soddisfazioni. Bene anche la fotocamera ultrawide purché ci sia luce, anche se chiaramente i difetti ottici non mancano (ed è anche normale). Le fotografie macro hanno il problema del fuoco fisso per cui rendono solo se scattate con attenzione alla giusta distanza dal soggetto, comunque possibilità creative interessanti.

Discreti infine i selfie grazie al sensore da 16MP, tante tantissime opzioni per il miglioramento dell’aspetto come su tutti i prodotti cinesi. I video forse sono l’unico sacrificio in termini qualitativi, non manca però una modalità super steady e la risoluzione arriva al 4K (30 fps).

IN CONCLUSIONE


Recensione Realme 7: ecco serviti i 90Hz sotto 200 euro

Realme 7 viene proposto ad un prezzo di listino piuttosto aggressivo:

  • 4/64GB: 179,90€
  • 6/64GB: 199,90€
  • 8/128GB: 259,90€

La versione che vi consigliamo è quella intermedia, con 64GB di memoria interna a 199,90 Euro.

Se avete dato uno sguardo alla chiacchierata con Gabriele e i migliori smartphone sotto i 300 Euro sicuramente converrete con noi che questa fascia di prezzo stia diventando sempre più interessante. Cominciano a vedersi i primi “765 scesi di prezzo”, i nuovi arrembanti con Snapdragon 750, aspettando la generazione con Snapdragon 690, tutti smartphone 5G. Altrimenti si risparmia un po’ con dispositivi come Realme 7 o Redmi Note 9 Pro, che comunque offrono garanzie su performance e autonomia.

La novità rispetto a qualche mese fa è che si riescono a trovare prodotti con almeno una caratteristica di fascia superiore, vedi i 90Hz per Realme 7 o la ricarica a 65 Watt per il Pro, senza dimenticare il Poco X3 che mette in fila una carta d’identità sorprendente, pur rinunciando al 5G.

Insomma, le alternative sono tante e in questo 2020 un po’ sottotono sui top di gamma la vera marcia in più è stata ingranata dalla fascia bassa e, sotto certi punti di vista, meglio così.

VIDEO

No Comments

Post A Comment