macOS Big Sur, prestazioni ottimizzate con il chip M1 | Dal 12 novembre | Web Agency Brescia
9883
post-template-default,single,single-post,postid-9883,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

macOS Big Sur, prestazioni ottimizzate con il chip M1 | Dal 12 novembre

macOS Big Sur, prestazioni ottimizzate con il chip M1 | Dal 12 novembre

macOS Big Sur, prestazioni ottimizzate con il chip M1 | Dal 12 novembre


Apple ha appena presentato il suo primo chip proprietario, M1 basato su Apple Silicon. E a trarne beneficio sarà certamente macOS Big Sur, l’ultima versione del sistema operativo che l’azienda di Cupertino ha svelato ufficialmente lo scorso mese di giugno e che sarà rilasciato questo giovedì, 12 novembre. Nell’attesa, Apple ha reso disponibile la versione RC2 proprio da pochi minuti.

Big Sur sarà capace di rendere al meglio con M1 – anche dal punto di vista della sicurezza -, con prestazioni ottimizzate sotto tutti i punti di vista, grafica e consumo energetico in primis. Apple garantisce che con il chip proprietario le animazioni grafiche saranno più fluide e tutte le app – quelle proprietarie e di terze parti – saranno gestite in modo efficiente.

Dunque app di grafica – viene citata la nuova suite di Adobe, in arrivo – e giochi trarranno enorme beneficio dalle performance del chip M1, progettato per lavorare in perfetta sinergia con l’OS di Apple dedicato ai Mac. L’intero software Mac è Universal e viene eseguito nativamente sui sistemi M1. Le app Mac non ancora aggiornate a Universal saranno eseguite con la tecnologia Rosetta 2. Le app iOS e iPadOS funzionano ora anche su Mac: per gli sviluppatori significa poter creare una sola versione della loro applicazione ottimizzando il codice per l’intera famiglia di prodotti della mela.

macOS Big Sur con chip M1 significa anche velocità: il Mac è capace di riattivarsi istantaneamente, “esattamente come iPhone e iPad“, mentre la navigazione con Safari risulta ora essere 1,5 volte più veloce di prima nell’eseguire JavaScript e 1,9 volte più reattivo.

Riprendiamo in breve le principali caratteristiche di macOS Big Sur, sistema operativo che subisce un’importante rivisitazione dal punto di vista grafico con una maggiore uniformità nell’interfaccia all’attuale stile di Apple. Cambiamenti si registrano nelle icone del Dock, nelle finestre, nella barra del menu (ora trasparente). C’è un nuovo Centro di Controllo, e il Centro Notifiche ospita widget ridisegnati e di diverse dimensioni. Non mancano la funzione di traduzione e il Privacy Report, un’aggiornata app Messaggi e Mappe, completamente nuova.

SAFARI

Il browser è più reattivo grazie al motore JavaScript, le tab sono state ridisegnate e le icone dei siti vengono visualizzate di default: utile per riconoscere rapidamente i pannelli aperti. Sono state integrate anche nuove funzioni, come la personalizzazione della pagina iniziale con un’immagine di sfondo e sezioni come Elenco lettura e Pannelli iCloud. É stato migliorato il supporto per le estensioni scaricabili dal Mac App Store, e lo strumento di traduzione permette di identificare e tradurre le pagine web da 7 lingue diverse.

Con Privacy Report gli utenti avranno sotto controllo la navigazione potendo scegliere i siti che possono avere accesso ad una determinata estensione, e saranno maggiormente protetti grazie al continuo monitoraggio dei tentativi di violazione dei dati.

MESSAGGI

Apple include in Big Sur nuovi strumenti per Messaggi: le conversazioni preferite possono essere fissate in cima all’elenco, la funzione di ricerca è stata migliorata e sono stati introdotti gli effetti. Nei messaggi di gruppo è più semplice interagire con amici e parenti grazie alle risposte inline con cui si risponde direttamente a un messaggio. In più, è possibile rispondere ad una determinata persona o gruppo semplicemente digitandone il nome.

MAPPE

Arrivano le Guide, sia quelle create da esperti sia quelle personali, frutto dell’esperienza di ciascun utente che può raccogliere in un unico posto luoghi, ristoranti o mete preferiti, magari da condividere con gli amici. Si possono consultare le mappe degli interni degli aeroporti e dei centri commerciali, calcolare i percorsi in bici o con le auto elettriche.

PRIVACY

Le informazioni sulla privacy indicate nel Mac App Store prendono spunto dalle etichette dei valori nutrizionali degli alimenti: sono semplici e di immediata comprensione, spiegando all’utente le norme sulla privacy prima di scaricare l’app. Qui vengono indicati dati come le informazioni raccolte e l’eventuale condivisione con terzi per il tracciamento.

No Comments

Post A Comment