Hacker prendono di mira centri di ricerca sul vaccino. La denuncia di Microsoft | Web Agency Brescia
9954
post-template-default,single,single-post,postid-9954,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Hacker prendono di mira centri di ricerca sul vaccino. La denuncia di Microsoft

Hacker prendono di mira centri di ricerca sul vaccino. La denuncia di Microsoft

Hacker prendono di mira centri di ricerca sul vaccino. La denuncia di Microsoft


Microsoft ha denunciato una serie di attacchi hacker rivolti a ospedali, organizzazioni sanitarie internazionali e aziende farmaceutiche impegnate nella ricerca sul vaccino e la cura per il Covid-19. Non è purtroppo la prima volta che ciò accade: basti pensare a quanto avvenuto all’Ospedale Spallanzani di Roma lo scorso aprile e nella Repubblica Ceca, che hanno spinto anche la Croce Rossa Internazionale ad intervenire sull’argomento chiedendo a Governi e istituzioni un maggiore impegno nella lotta al cybercrimine.

Sono tre le realtà individuate da Microsoft: una russa (il nome è tutto un programma: Strontium) e due nord coreane – Zinc e Cerium. Gli obiettivi sono stati case farmaceutiche e centri di ricerca sul vaccino ubicati in Canada, Francia, India, Corea del Sud e Stati Uniti. La strategia è sempre la stessa: forzare i login per rubare le credenziali personali fingendo di far parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e di società di recruiting per la ricerca sul Covid.

Simili situazioni si erano verificate anche di recente: una sempre a Roma, questa volta all’Università di Tor Vergata, in cui hacker sono entrati nei server rendendo inaccessibili documenti di fondamentale importanza sulle terapie in fase di studio e sperimentazione; e l’altra proveniva invece dalla Russia, sempre indirizzata a laboratori impegnati contro il Covid-19. In questo secondo caso si era riscontrato il coinvolgimento dei servizi segreti russi, interessati a rubare dati sensibili sulla ricerca per il vaccino.

Microsoft ha partecipato in questi giorni al Paris Peace Forum, espressamente dedicato alla lotta al cybercrimine e che ha visto la partecipazione di diversi rappresentanti dei Governi di tutto il mondo e di organizzazioni impegnate nella ricerca del vaccino.

Paris Call resta la più grande coalizione multi-stakeholder che affronta questi problemi, e il suo primo principio è la prevenzione di pericolose attività informatiche che creano minacce indiscriminate o sistemiche alle persone e alle infrastrutture critiche.

Credits immagine d’apertura: Pixabay

No Comments

Post A Comment