Linux su Mac e MacBook con Apple Silicon M1, qualcosa si muove | Web Agency Brescia
10199
post-template-default,single,single-post,postid-10199,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Linux su Mac e MacBook con Apple Silicon M1, qualcosa si muove

Linux su Mac e MacBook con Apple Silicon M1, qualcosa si muove

Linux su Mac e MacBook con Apple Silicon M1, qualcosa si muove


Le speranze di vedere Linux sui MacBook con SoC Apple Silicon M1 di cui parlavamo qualche giorno fa sono già diventate più concrete: uno sviluppatore ha aperto una campagna Patreon per finanziare l’impresa. La richiesta di fondi proviene da una riflessione molto semplice: per raggiungere l’obiettivo di avere un sistema perfettamente stabile e fluido, adatto all’uso quotidiano, bisogna avere a disposizione tanto tempo, equiparabile a quello richiesto da un lavoro a tempo pieno per chissà quanto tempo.

Vale la pena precisare che lo sviluppatore in questione non è uno sconosciuto nella community degli appassionati Linux: si chiama Hector Martin ed è noto come marcan nei forum online. Nel suo curriculum con l’open source vale la pena annoverare i suoi contributi nel porting di Linux su sistemi “atipici” come le console, in particolare la Nintendo Wii, la PS3 e la PS4.

Come dicevamo appunto qualche giorno fa, Linus Torvalds stesso ha detto che apprezzerebbe molto avere Linux su un Mac M1 – in particolare il papà di Linux è da tempo un estimatore del MacBook Air. Tuttavia, gli ostacoli da superare per avere un sistema perfettamente funzionale sono molti: in particolare in relazione a GPU, gestione energetica e più in generale a tutto il SoC, visto che è estremamente difficile che Apple collaborerà allo sviluppo dei driver. Insomma, come dice Hector Martin nella stessa descrizione della sua pagina Patreon: “far girare le cose su Linux è facile, ma farle funzionare bene è dura“.

Gli “abbonamenti mensili” su Patreon vanno da 3 a 48 dollari al mese; Martin punta ad arrivare a circa 4.000 dollari al mese per cimentarsi, e al momento è arrivato al 91%. Se il progetto prenderà il via, l’obiettivo è coinvolgere e collaborare con altri sviluppatori. Per chi fosse interessato, il link è in FONTE.

No Comments

Post A Comment