Qualcomm Snapdragon 888 ufficiale: la scelta obbligata per i top di gamma | Web Agency Brescia
10226
post-template-default,single,single-post,postid-10226,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Qualcomm Snapdragon 888 ufficiale: la scelta obbligata per i top di gamma

Qualcomm Snapdragon 888 ufficiale: la scelta obbligata per i top di gamma

Qualcomm Snapdragon 888 ufficiale: la scelta obbligata per i top di gamma


Qualcomm Snapdragon 888 ufficiale: la scelta obbligata per i top di gamma

Come ogni anno è arrivato il momento del Tech Summit, dove Qualcomm ha ufficialmente annunciato il nuovo SoC top di gamma Snapdragon 888 5G e la roadmap per il prossimo futuro. Il chipmaker di San Diego è tra i leader indiscussi del mercato mobile e si appresta a chiudere un 2020 pieno di successi professionali, con molti dei suoi articoli di punta che ormai affollano il mercato consumer grazie anche alla spinta del 5G.

Si parlerà tanto delle reti di quinta generazione, ormai una realtà in alcuni paesi del mondo e anche in Italia, dove continua lo spiegamento delle infrastrutture da parte dei principali operatori TIM, Vodafone e Wind Tre. Ma Qualcomm vuole metter l’accento anche sull’Intelligenza artificiale (AI), sul gaming, divenuto ormai sempre più centrale nel mobile, e sull’elaborazione dei contenuti multimediali (foto e video). Vediamo quali sono questi passi in avanti conoscendo un po’ da più vicino la nuova piattaforma.

SALTO IN AVANTI CON I 5 NANOMETRI


Qualcomm Snapdragon 888 ufficiale: la scelta obbligata per i top di gamma

Come atteso è arrivata un ulteriore miniaturizzazione degli elementi, presupposto fondamentale per includere sempre più componenti e transistors all’interno di piccolissimi chip, senza creare degli scompensi energetici. Si parla così di performance maggiorate del 25% per i core Kryo 680 e frequenze massime fino a 2.84GHz, poco meno di quanto offerto sulla precedente piattaforma SD865+ sul Prime Core (fino a 3,1GHz).

Cambia tuttavia il cuore con il potentissimo Arm Cortex-X1, definito come il più potente di sempre e affiancato da tre Cortex-A78 con clock a 2,4Ghz e quattro Cortex-A55. Un octa-core da dream team che rappresenta solo un pezzo del puzzle complessivo. Il risparmio energetico complessivo calcolato è nell’ordine del 25%, quindi maggior potenza a consumi ancora minori. A condire il tutto anche il nuovo standard Quick Charge 5.0 che apre le porte a ricariche ancora più rapide.

Qualcomm promette anche grandi passi avanti per quanto riguarda le prestazioni grafiche, annunciando il più grande salto di prestazioni mai visto su una GPU con la Adreno 660. Si apre così ad una gaming più distintivo su mobile, con supporto di questa piattaforma ai titoli che offrono i 90fps, 120fps e addirittura 144fps; ma anche HDR a 10-bit e 4K, in quei pochi casi dove sia presente l’hardware apposito (Sony Xperia 1 II?). A migliorare, pare, sarà anche la risposta dei tocchi fino al 20% a 60fps in tutti i giochi.

Snapdragon 888 introduce anche il Qualcomm AI Engine di sesta generazione in grado di eseguire sino a 26 TOPS (tera operation per second) e offre supporto alla seconda generazione della tecnologia Qualcomm Sensing Hub, grazie alla quale la gestione dei sensori e alcune operazioni AI possono essere eseguite in modalità always-on con consumi minimi.

CONNETTIVITA’ 5G SU TUTTE LE BANDE


Qualcomm Snapdragon 888 ufficiale: la scelta obbligata per i top di gamma

Nessun compromesso sul fronte connettività, come previsto il SoC farà affidamento sul modem Snapdragon X60 annunciato ad inizio anno, garantendo una copertura ancora più ampia verso le bande 5G (sia sub 6GHz che mmWave) adottate dai principali operatori in tutto il mondo. Siamo già arrivati alla terza generazione, con velocità che si fanno ancora più sostenute e picchi teorici di 7,5 Gbps in download e 3 Gbps in upload, lontani di certo dalle potenzialità delle reti che abbiamo oggi a disposizione sul nostro territorio, ma la strada è effettivamente tracciata.

Migliorano le connessioni in generale, con il modulo FastConnect 6900 che supporta il WiFi 6 (ax) fino a trasferimenti di 3,6 Gbps in download e il nuovo spettro a 6 GHz per il Wi-Fi 6E. Ancora più stabile ed affidabile poi il Bluetooth 5.2 che gode adesso di due antenne dedicate e suite aptX per la decodifica e gestione dei segnali audio in alta qualità fino a 96kHz a 24-bit.

MULTIMEDIA E TRIPLO ISP


Qualcomm Snapdragon 888 ufficiale: la scelta obbligata per i top di gamma

Per finire, Qualcomm ha anche reso noto che Snapdragon 888 offrirà prestazioni migliorate per quanto riguarda il settore della fotografia computazionale, grazie ad un aggiornamento dell’ISP Qualcomm Spectra che adesso si triplica; in tale configurazione sarà in grado di processare sino a 2,7 GigaPixel di foto e video al secondo (l’equivalente di 120 foto da 12 MP), un valore superiore del 35% rispetto alla scorsa generazione.

Pensate che sarà teoricamente possibile scattare in altissima risoluzione fino a 120fps oppure catturare contemporaneamente 3 video HDR, azioni teoriche che danno l’idea della capacità computazionale del sistema a 3 ISP. Combinando gli scatti si potranno esaminare diversi aspetti della scena, variare l’esposizione e poi metter insieme tutte queste informazioni per raggiungere un livello di dettaglio inedito.

Per la registrazione dei video si parla adesso della possibilità di acquisire in 4K a 120fps, come già possibile su SD865, ma adesso si aggiungono anche le funzioni di playback in 4K a 120fps ed editing avanzato. Vedremo presto di cosa si tratta con uno dei tanti partner pronti ad aggiornare la piattaforma.

Qualcomm Snapdragon 888 ufficiale: la scelta obbligata per i top di gamma

In attesa di scoprire ulteriori dettagli sul SoC, durante l’evento è stata confermata la lista dei 14 produttori che adotteranno il SoC e tra questi – curiosamente – non figura Samsung. L’elenco infatti include: ASUS, Black Shark, Lenovo, LG, Meizu, Motorola, Nubia, Realme, OnePlus, OPPO, Sharp, Vivo, ZTE e Xiaomi. Si vocifera poi che sarà quest’ultima a portare in commercio il primo smartphone con Snapdragon 888, ovvero il prossimo Mi 11.

Gabriele Arestivo ha contribuito alla redazione di questo articolo

No Comments

Post A Comment