Hayabusa2, il campione dell'asteroide Ryugu ritorna sulla Terra | Live alle 18 | Web Agency Brescia
10270
post-template-default,single,single-post,postid-10270,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Hayabusa2, il campione dell’asteroide Ryugu ritorna sulla Terra | Live alle 18

Hayabusa2, il campione dell'asteroide Ryugu ritorna sulla Terra | Live alle 18

Hayabusa2, il campione dell’asteroide Ryugu ritorna sulla Terra | Live alle 18


Finalmente l’atteso momento è arrivato, la missione giapponese Hayabusa2 sta riportando sulla Terra i primi campioni estratti dal sottosuolo dell’asteroide Ryugu. La missione di rientro è cominciata e proprio poche ore fa, alle 6 di stamane secondo il nostro fuso orario, la capsula con il prezioso carico si è separata dalla sonda ed ora è sulla via del rientro.

L’atterraggio dovrebbe avvenire nell’entroterra australiano in circa 12 ore, per la precisione alle 18.28 di oggi. La sala di controllo di Sagamihara, in Giappone, è esplosa in un fragoroso applauso pochi minuti dopo la separazione. Un successo storico se pensiamo che la missione ha preso il via nel 2014 e la prima raccolta è avvenuta il 21 febbraio 2019, un’operazione non semplice viste le ridotte condizioni di gravità e a tutte le difficoltà che un ammasso roccioso da 950 mt di diametro presenta. Per chi si fosse perso alcuni tra i momenti più significativi, ecco alcuni articoli che abbiamo redatto sull’incredibile missione.

C’è davvero molta attesa per il rientro dei campioni, infatti, grazie alle immagini raccolte ed alla firma spettrale della superficie dell’asteroide si è già ipotizzato che il materiale esposto (rosso secondo lo spettro) potrebbe derivare da un passato di forte escursione termica, legato quasi certamente ad un passaggio ravvicinato al Sole. l

La capsula è protetta da uno scudo termico, e a 10 chilometri d’altitudine aprirà un paracadute per attutire il contatto con il suolo. Per stimare nel modo più preciso possibile il punto in cui atterrerà (si consideri che è piccolissima con i suoi 40cm di diametro), sono state installate diverse antenne paraboliche per cercare di catturare i segnali inviati dallo spazio. Ma la missione non finirà qui, infatti solamente la capsula ritornerà a Terra. La sonda comincerà immediatamente una nuova missione di recupero, alla volta dell’asteroide 1998KY26, un viaggio che durerà la bellezza di 10 anni.

L’evento di rientro potrà essere seguito a partire dalle 18 grazie ad una live streaming che la JAXA terrà sul suo canale youtube, a seguire il link per la visione.

No Comments

Post A Comment