Airbnb.org ufficiale: ambiziosa no-profit per emergenze e calamit | Web Agency Brescia
10297
post-template-default,single,single-post,postid-10297,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Airbnb.org ufficiale: ambiziosa no-profit per emergenze e calamit

Airbnb.org ufficiale: ambiziosa no-profit per emergenze e calamit

Airbnb.org ufficiale: ambiziosa no-profit per emergenze e calamit


Airbnb.org è la nuova organizzazione di beneficenza della piattaforma di affitti brevi: ed è sostanzialmente la formalizzazione di una serie di iniziative partite spontaneamente dagli host negli anni passati, che in caso di gravi calamità offrivano i loro alloggi alle persone bisognose. La no-profit, dice il manifesto, si concentrerà sulle operazioni di primo soccorso e sulla fornitura di alloggi e supporti a persone evacuate, operatori primo soccorso, rifugiati, volontari e il personale medico che combatte la guerra contro il coronavirus.

Airbnb.org ha dato il via a un’operazione piuttosto imponente: ha promesso 400.000 azioni di Airbnb (la piattaforma non è ancora quotata in borsa, ma l’operazione è imminente e il target di valore di ogni azione dovrebbe aggirarsi intorno ai 50 dollari); i tre fondatori contribuiranno con altri 6 milioni di dollari; e sono state strette partnership internazionali come la Croce Rossa, CORE, IMC, Build Change e tanti altri (l’elenco completo, insieme a molti altri dettagli, si trova sul sito ufficiale dell’organizzazione, già disponibile anche in italiano.

Inizialmente, 2 milioni di dollari saranno elargiti a CORE e IFRC, mentre nei prossimi due anni un altro milione sarà devoluto a IFRC per coprire i soggiorni di staff e volontari. CORE userà i contributi per finanziare chi lavora per combattere la pandemia da coronavirus in vari ambiti, dal contact tracing alla somministrazione di vaccini e medicinali, dall’esecuzione dei test all’organizzazione della quarantena.

No Comments

Post A Comment