Britishvolt, la Gigafactory sar costruita a Blyth e progettata da Pininfarina | Web Agency Brescia
10369
post-template-default,single,single-post,postid-10369,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Britishvolt, la Gigafactory sar costruita a Blyth e progettata da Pininfarina

Britishvolt, la Gigafactory sar costruita a Blyth e progettata da Pininfarina

Britishvolt, la Gigafactory sar costruita a Blyth e progettata da Pininfarina


Britishvolt ha finalmente scelto la sede definitiva dove costruire la sua prima Gigafactory per la produzione di batterie per le auto elettriche sul suolo inglese. La società ha comunicato che costruirà la fabbrica a Blyth, nel Northumberland. I lavori per la realizzazione di questo sito produttivo inizieranno nell’estate del 2021. Si stima che la produzione delle batterie dovrebbe incominciare verso la fine del 2023.

Per questo progetto, Britishvolt investirà 2,6 miliardi di sterline, cioè quasi 2,9 miliardi di euro. Si tratta di uno dei maggiori investimenti industriali di sempre nel Regno Unito. Questa fabbrica avrà una ricaduta molto positiva sul fronte dell’occupazione. Entro il 2027 dovrebbe dare lavoro a 3.000 persone senza contare i benefici per l’indotto. Per il Regno Unito questo progetto è molto importante dal punto di vista strategico.

Tale fabbrica è una delle colonne portanti del piano del Primo Ministro inglese Boris Johnson che vuole portare il Paese verso un’economia a emissioni zero entro il 2050. La Gigafactory permetterà poi alle aziende automobilistiche inglesi di disporre di un vantaggio competitivo nella corsa verso un futuro sempre più elettrificato visto che per la fornitura delle batterie non dovranno più dipendere da aziende esterne, in particolare da quelle cinesi. A regime, la fabbrica arriverà a produrre 300 mila batterie all’anno.

Curiosità, la Gigafactory di Britishvolt sarà disegnata da Pininfarina Architecture e sarà alimentata da energia rinnovabile. Addirittura, potrà utilizzare l’energia idroelettrica generata in Norvegia e trasportata per 447 miglia (719 Km) sotto il Mare del Nord attraverso il più lungo interconnettore al mondo del progetto North Sea Link.

No Comments

Post A Comment