Incentivi auto, il Governo prepara il rinnovo grazie ad un "tesoretto" | Web Agency Brescia
10365
post-template-default,single,single-post,postid-10365,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Incentivi auto, il Governo prepara il rinnovo grazie ad un “tesoretto”

Incentivi auto, il Governo prepara il rinnovo grazie ad un "tesoretto"

Incentivi auto, il Governo prepara il rinnovo grazie ad un “tesoretto”


Il Governo si starebbe preparando a rinnovare gli incentivi per le auto. Secondo quanto riporta La Repubblica, è emerso un “tesoretto” dal bilancio dopo l’ultimo scostamento. Si parla di circa 3,8 miliardi di euro che dovrebbero andare a finanziare lo sviluppo dei settori produttivi. In particolare, al mondo dell’auto andrebbero alcune centinaia di milioni di euro. Il Governo potrebbe decidere di gestire questo “tesoretto” attraverso un emendamento alla Legge di Bilancio oppure all’interno di un provvedimento dedicato.

Il dato importante è che il Governo ha quindi trovato i fondi necessari per rilanciare gli incentivi per l’acquisto delle autovetture per sostenere un settore che è stato pesantemente colpito dalla pandemia. Come tutti sanno, i fondi per le autovetture con emissioni comprese tra 61 e 90 g/km e tra 91 e 110 g/Km di CO2 sono andati esauriti da tempo. Gli incentivi avevano dimostrato la loro efficacia visto che erano riusciti a spingere nuovamente il mercato in positivo.

L’esaurimento dei fondi, però, ha comportato un nuovo rallentamento delle vendite. Proprio per questo, diverse associazioni del settore tra cui UNRAE avevano chiesto a gran voce un rifinanziamento degli incentivi per aiutare il mercato automotive a risollevarsi. Vedremo nelle prossime settimane che strada seguirà il Governo e soprattutto come intenderà predisporre questi nuovi incentivi. Non è detto, infatti, che lo schema rimanga uguale.

Nei giorni scorsi, infatti, in Commissione Bilancio erano arrivate diverse proposte su come strutturare i nuovi incentivi. Tutte soluzioni che dovranno essere vagliate e poi votate. Non si può poi non ricordare la proposta di una detrazione in 5 anni per l’acquisto delle elettriche come alternativa all’Ecobonus.

No Comments

Post A Comment