Una giraffa in salotto? Con i nuovi modelli AR di Ricerca Google possibile | Web Agency Brescia
10375
post-template-default,single,single-post,postid-10375,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Una giraffa in salotto? Con i nuovi modelli AR di Ricerca Google possibile

Una giraffa in salotto? Con i nuovi modelli AR di Ricerca Google possibile

Una giraffa in salotto? Con i nuovi modelli AR di Ricerca Google possibile


Nell’estate del 2019 Google ha cominciato ad integrare nella propria Ricerca alcune funzionalità di Realtà Aumentata, a cominciare dalla possibilità di materializzare i modelli poligonali di alcuni animali nei propri dintorni. A più di un anno di distanza non ha smesso, e oggi anzi annuncia che lo zoo poligonale si è espanso, con l’arrivo di nuove creature. Quante? Ben 50, dalla giraffa al simpaticissimo chow chow, rimediando peraltro ad un’illustre ed inspiegabile assenza, ovvero quella del gatto.

Per portarsi una giraffa in salotto, come sempre, la procedura è molto semplice: basterà cercare su Chrome o tramite l’app Google uno degli animali supportati, e poi selezionare “Visualizza in 3D” all’interno del riquadro “Guarda un (nome dell’animale) da vicino” (sarà possibile godere dei modelli poligonali anche senza attivare le funzioni AR). Chi preferisse le creature estinte, invece, dovrebbe provare a indirizzare la propria ricerca direttamente sui dinosauri: non resterà deluso.

No Comments

Post A Comment