VSS Unity di Virgin Galactic, fallisce il test di volo ma atterra in sicurezza | Web Agency Brescia
10385
post-template-default,single,single-post,postid-10385,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

VSS Unity di Virgin Galactic, fallisce il test di volo ma atterra in sicurezza

VSS Unity di Virgin Galactic, fallisce il test di volo ma atterra in sicurezza

VSS Unity di Virgin Galactic, fallisce il test di volo ma atterra in sicurezza


Alla fine il test di volo per VSS Unity di Virgin Galactic è avvenuto sebbene non si sia concluso nel migliore dei modi. L’aereo WhiteKnightTwo è salito in quota ieri pomeriggio partendo dallo Spaceport America.

Lo spazioplano VSS unity è stato sganciato correttamente dopo aver raggiunto quota 15.000 metri alle 17.15 secondo il nostro fuso orario. Si tratta di una fase molto delicata e infatti proprio qui si è verificato il problema. Secondo quanto spiegato da Virgin, il motore principale di Unity si è acceso per un momento spegnendosi subito dopo, causando così l’abbandono della missione.

A quel punto sono state seguite le procedure di rientro. VSS Unity è stata portata a terra e fatta atterrare senza alimentazione e con pilotaggio manuale. Gli astronauti sono incolumi e questa è la cosa più importante. A condurre la missione c’erano i due piloti, CJ Sturckow (ex astronauta NASA) e Dave Mackay, capo pilota di Virgin Galactic.

Come spiegato in precedenza, il volo di prova prevedeva la sola presenza di personale operativo e nessun ospite a bordo, anche se il veicolo trasportava una serie di strumentazioni per la NASA. Un Tweet successivo di Virgin non esclude la possibilità che, visto il fallimento di ieri, il motore di Unity possa essere cambiato per i futuri test.

In condizioni di volo normali, quando la VSS Unity accende i motori si dovrebbe lanciare verso l’alto arrivando a circa 100 km di altezza. Dopo pochi minuti in quella fase (ed è in questo momento che si può sperimentare l’assenza di gravità), avviene il rientro a Terra.

In questa fase delicatissima entra in gioco il sistema di rallentamento “a piuma”. Questo è formato da due bracci (o alette) il cui orientamento verrà cambiato in fase di discesa. Con esso varierà anche l’orientamento del veicolo che diventerà maggiormente stabile nel processo di rientro.

Per Virgin Galactic il 2020 è stato un anno buono nonostante la pandemia ed il recente fallimento, se consideriamo che già a maggio si è svolto con successo un primo test di volo di VSS Unity. Qualche mese fa Virgin Galactic ha svelato la futuristica cabina di equipaggio di VSS Unity, quella che un giorno potrà ospitare i primi clienti che vorranno provare un’esperienza di volo sub-orbitale unica.

No Comments

Post A Comment