HarmonyOS, ci siamo: il sistema operativo di Huawei potrebbe esordire su P50 | Web Agency Brescia
10446
post-template-default,single,single-post,postid-10446,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

HarmonyOS, ci siamo: il sistema operativo di Huawei potrebbe esordire su P50

HarmonyOS, ci siamo: il sistema operativo di Huawei potrebbe esordire su P50

HarmonyOS, ci siamo: il sistema operativo di Huawei potrebbe esordire su P50


Huawei è di fronte ad una svolta epocale, un cambiamento che forse col tempo sarebbe avvenuto comunque, ma che il ban USA ha reso urgente ed accelerato. Come sappiamo, prima l’azienda cinese si è vista negare la possibilità di includere i Servizi Google sui propri smartphone, e poi è stata colpita anche lungo la catena di approvvigionamento di componenti hardware. Un attacco frontale che ha costretto Huawei a correre ai ripari, e a farlo in fretta (vedi cessione di Honor, per consentire al brand di svincolarsi dalle restrizioni).

Il primo, importantissimo tassello dell’indipendenza a venire è sicuramente rappresentato da HarmonyOS, il sistema operativo proprietario che andrà a rimpiazzare Android, e che è sempre più vicino al debutto ufficiale: proprio ieri vi abbiamo mostrato le immagini relative alla versione 2.0 della beta che è già disponibile su numerosi smartphone, anche se attualmente il test sembra ristretto all’utenza cinese.

Ad ogni modo, non dovrebbe mancare molto prima di vedere un nuovo smartphone Huawei arrivare direttamente con la versione stabile di HarmonyOS. E quali portabandiera migliori potrebbero esserci, se non i nuovi flagship della serie P50? L’indiscrezione che arriva oggi dalla Cina, infatti, parla proprio di questo scenario: e dal momento che i top di gamma dovrebbero uscire nella prima metà del 2021, significa che la rivoluzione in casa Huawei è vicina.

L’indiscrezione poi fa il paio con quella relativa ad un tablet di fascia alta con HarmonyOS che sarà lanciato la prossima primavera, e quella che riguarda invece uno smartwatch sempre col sistema operativo proprietario, ad arrotondare un primo ecosistema autonomo.

L’obiettivo – ambizioso – è quello di portare HarmonyOS su più di 100 milioni di dispositivi entro il 2021 (QUI trovate la lista dei prodotti che probabilmente lo riceveranno): se in occidente la strada potrebbe essere in salita, bisogna sempre tenere conto del fatto che il mercato cinese è una realtà radicalmente diversa e dal peso economico enorme, dove Huawei ha conservato una forte posizione di leadership, che potrebbe quindi consolidare con la creazione di una piattaforma proprietaria.

No Comments

Post A Comment