Incentivi auto 2021, il Governo ha trovato un accordo | Web Agency Brescia
10443
post-template-default,single,single-post,postid-10443,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Incentivi auto 2021, il Governo ha trovato un accordo

Incentivi auto 2021, il Governo ha trovato un accordo

Incentivi auto 2021, il Governo ha trovato un accordo


Il Governo avrebbe trovato un accordo sul tanto atteso rinnovo degli incentivi auto. I dettagli sarebbero attesi già nel corso delle prossime ore. Quanto deciso sarà poi inserito all’interno della Legge di Bilancio che dovrebbe essere approvata in via definitiva in tempi brevi. A quanto si apprende, Il Governo avrebbe deciso di stanziare una cifra di circa 370 milioni di euro per il 2021 per sostenere un settore fortemente colpito dall’emergenza sanitaria.

Il meccanismo dovrebbe rimanere lo stesso degli ultimi incentivi sebbene ci saranno alcune precise novità. Innanzitutto sembra che l’incentivo economico sarà erogato solo in caso di rottamazione. Niente bonus per chi non rottama una vecchia auto, dunque. Altra novità il fatto che le fasce faranno riferimento al ciclo WLTP e non più a quello NEDC. Per questo, sembra che l’orientamento sia quello di far accedere agli incentivi, autovetture con emissioni di CO2 sino a 135 g/Km e non più sino a 110 g/Km.

Sulla precisa suddivisione e sui fondi per ogni fascia bisognerà per forza attendere i dettagli ufficiali dell’emendamento. Comunque, sembra che dovrebbero andare 250 milioni alla fascia 61-135 g/Km di CO2. Il resto, 120 milioni, alle elettriche e alle Plug-in. Tuttavia, come detto, dovrebbe essere questione di ore per capire esattamente come sarà strutturato il nuovo Ecobonus. Se davvero gli incentivi saranno offerti solo a chi rottamerà effettivamente un’auto ci saranno due conseguenze immediate. La prima è che i fondi dovrebbero durare più a lungo. La seconda è che in questo modo si dovrebbe riuscire davvero a favorire il rinnovo del parco auto italiano, attualmente molto vecchio.

Quello che è importante, però, è che queste misure per il sostegno del settore automotive siano riproposte. I precedenti incentivi, infatti, hanno permesso al mercato di risollevarsi anche se purtroppo questo andamento positivo è durato poco visto che si sono esauriti in fretta.

No Comments

Post A Comment