Xiaomi Mi 10T e variante Pro gemelli diversi: il giudizio di DxOMark | Web Agency Brescia
10542
post-template-default,single,single-post,postid-10542,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Xiaomi Mi 10T e variante Pro gemelli diversi: il giudizio di DxOMark

Xiaomi Mi 10T e variante Pro gemelli diversi: il giudizio di DxOMark

Xiaomi Mi 10T e variante Pro gemelli diversi: il giudizio di DxOMark


Mi 10T 5G e la variante Pro sono stati sottoposti ad un’analisi approfondita da parte di DxOMark, consentendoci di scoprire più nel dettaglio le capacità fotografiche di entrambi gli smartphone annunciati da Xiaomi lo scorso settembre. Nonostante siano stati giudicati separatamente, ricordiamo comunque che si tratta di due dispositivi dalla scheda tecnica pressoché identica, fatta eccezione per la RAM (6GB sul 10T, 8 sul Pro), la memoria di archiviazione (il secondo è disponibile anche nel taglio da 256GB) e, soprattutto – ed è questo che ne giustifica la doppia revisione – la fotocamera principale (64MP vs. 108MP).

Partiamo dal punteggio, 98, che sarebbe potuto essere superiore se DxOMark non avesse riscontrato problemi negli scatti per ciò che concerne esposizione, riproduzione dei colori e capacità dello zoom. Buoni la profondità di campo e i ritratti, meno l’autofocus – non sempre all’altezza -, l’HDR, la gamma dinamica e il rumore, spesso presente specie in condizioni di scarsa luminosità. Un giudizio positivo viene dato anche al grandangolo, che restituisce scatti di qualità nella maggior parte dei casi.

Lato video la situazione migliora, con risultati più che discreti e i limiti visti nelle foto che vengono in parte ridotti (specie per esposizione e colori).

Discorso decisamente migliore per ciò che riguarda la variante Pro: il sensore da 108MP incide, eccome, sul risultato finale, che in questo caso è di 118. Il punteggio è comunque inferiore rispetto ai fratelli Mi 10 Pro e Mi 10 Ultra, dovuto all’assenza del teleobiettivo sostituito dal macro da 5MP. Rispetto a questi cambia anche il comportamento in certe situazioni (specie per il rumore), a dimostrazione di quanto, a parità di hardware, l’ottimizzazione software incida non di poco.

In generale la qualità è buona, con esposizione accurata, colori ben riprodotti ed ampia gamma dinamica. Da rivedere invece gli scatti con grandangolo e in situazioni di scarsa illuminazione, entrambi penalizzati dalla scarsità di dettagli. Giudizio positivo per i video, grazie soprattutto alla eccellente stabilizzazione. Restano diversi artefatti, ma i risultati sono comunque più che soddisfacenti.

(aggiornamento del 23 dicembre 2020, ore 14:08)

No Comments

Post A Comment