Samsung Galaxy Z Fold 3 in due versioni, con una o due pieghe: vi piacerebbe cos? | Web Agency Brescia
10578
post-template-default,single,single-post,postid-10578,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Samsung Galaxy Z Fold 3 in due versioni, con una o due pieghe: vi piacerebbe cos?

Samsung Galaxy Z Fold 3 in due versioni, con una o due pieghe: vi piacerebbe cos?

Samsung Galaxy Z Fold 3 in due versioni, con una o due pieghe: vi piacerebbe cos?


Samsung è stata la regina dei pieghevoli nel 2020, con un market share del 73%. E se i numeri complessivi sono ancora quelli di una nicchia, l’azienda coreana ha le idee ben chiare: continuare a puntare forte sui foldable, un settore dove è leader incontrastata e dalla cui crescita – di conseguenza – non può che beneficiare enormemente, in proporzione.

La curiosità di capire quali altri esperimenti e form factor vedremo il prossimo anno oltre alle linee già note di Galaxy Z Flip e Z Fold2, c’è. E a proposito, vi ricordate il brevetto che avevamo analizzato ad inizio dicembre, e mostrava tra gli altri uno smartphone con un display in grado di piegarsi non una, ma due volte?

Ecco, Pigtou ha realizzato una serie di render basati proprio su quei bozzetti, per aiutarci a visualizzare che effetto farebbe un dispositivo di questo genere.

L’ipotesi avanzata è che un eventuale Z Fold3 possa arrivare in due diverse varianti: una con una singola piega al centro, e l’altra con una piega doppia, “a fisarmonica”.

Non sappiamo quale tra i vari brevetti di Samsung alla fine si tradurrà in un prodotto concreto, ma una cosa è certa o quasi: qualche nuovo form-factor, se si parla di pieghevoli, dobbiamo aspettarcelo. Certo, la fotocamera posteriore in posizione centrale (che pure è ritratta esattamente in questo modo nei bozzetti), ad esempio, non sembra una soluzione estetica in linea con quelle adottate dagli ultimi dispositivi, né con quelle dei prossimi Galaxy S21. Non ci aspettiamo, quindi, che anche un eventuale “pieghevole tripartito” rispecchi in tutto e per tutto questo design.

Infine, vale la pena ricordare che un elemento della prossima generazione di Z Fold sarà molto probabilmente la S Pen, dal momento che i pieghevoli già dal prossimo anno potrebbero essere incaricati di un ruolo più centrale da Samsung, andando a raccogliere l’eredità della serie Note, che presto o tardi sarà pensionata.

No Comments

Post A Comment