Le ceneri di Scotty di Star Trek sarebbero arrivate sulla ISS, di nascosto | Web Agency Brescia
10601
post-template-default,single,single-post,postid-10601,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Le ceneri di Scotty di Star Trek sarebbero arrivate sulla ISS, di nascosto

Le ceneri di Scotty di Star Trek sarebbero arrivate sulla ISS, di nascosto

Le ceneri di Scotty di Star Trek sarebbero arrivate sulla ISS, di nascosto


Chi ricorda lo Scotty di Star Trek, ingegnere capo dell’astronave Enterprise? È uno dei personaggi più amati del franchise, soprattutto nella versione interpretata da James Doohan. L’attore è morto nel 2005 e, a quanto pare, aveva espresso il desiderio che le proprie ceneri fossero portate nello spazio e sulla ISS.

A quanto pare, è stato esaudito, di nascosto. La storia è un po’ articolata: le ceneri di Doohan erano quasi riuscite ad arrivare in orbita nel 2008, a bordo del terzo volo in assoluto del razzo Falcon 1 di SpaceX, ma la missione era fallita; in seguito, la NASA aveva negato alla famiglia il permesso di portare le ceneri sulla Stazione Spaziale Internazionale, ma a quanto pare i famigliari non si sono arresi.

Il figlio di Doohan, Chris, avrebbe chiesto a Richard Garriott, sviluppatore di giochi e uno dei primi turisti spaziali ad arrivare sulla ISS, di portarle con sé. Garriott pagò alla società Space Adventures ben 30 milioni di dollari per raggiungere la ISS nell’ottobre del 2008 e, avute le ceneri di Doohan, le avrebbe laminate in tre foto dell’attore e portate di nascosto sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Una l’avrebbe ridata al figlio Chris, una l’avrebbe lasciata andare nello spazio da un airlock e una sarebbe nascosta sotto il pavimento del modulo Columbus della ISS. Il fatto sarebbe stato documentato con una foto, e c’è anche un video dove Garriott rendeva onore a Doohan senza menzionare però le ceneri.

La notizia è stata resa nota proprio da Garriott, che ne avrebbe parlato già un paio di anni fa e l’avrebbe ripresa in questi giorni proprio con il London Times, sostenendo che sia passato abbastanza tempo da poterlo raccontare. Chissà se la NASA avrà qualcosa da dire. Nel frattempo, Star Trek prosegue la sua corsa con la serie tv Discovery, arrivata alla terza stagione su CBS All Access.

No Comments

Post A Comment