Aspark Owl, l'hypercar elettrica finalmente in vendita | Web Agency Brescia
10688
post-template-default,single,single-post,postid-10688,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Aspark Owl, l’hypercar elettrica finalmente in vendita

Aspark Owl, l'hypercar elettrica finalmente in vendita

Aspark Owl, l’hypercar elettrica finalmente in vendita


L’hypercar elettrica Aspark Owl arriva finalmente sul mercato sia in Nord America che in Europa. Il costruttore giapponese ha siglato una serie di accordi con alcune concessionarie per la vendita della sua autovettura ad altissime prestazioni. A quanto si apprende, nelle prossime settimane il costruttore amplierà ulteriormente la sua rete di distribuzione. Aspark può contare anche nel suo punto vendita ufficiale a Osaka in Giappone, città dove ha la sua sede.

Gli interessati potranno quindi acquistare l’hypercar elettrica a patto di non aver problemi di budget perché il suo prezzo di base è di circa 2,9 milioni di euro. Inoltre, complessivamente saranno costruite solamente 50 Aspark Owl di cui solo 20 saranno destinate al mercato del Vecchio Continente.

Le specifiche tecniche dell’hypecar sono estremamente interessanti. Presentata alla fine del 2019 al Dubai Motor Show come una supercar dotata di capacità di accelerazione record, dispone di un powertain caratterizzato dalla presenza di ben 4 motori elettrici in grado di erogare complessivamente ben 1.480 kW (2.012 CV) con una coppia di 2.000 Nm. La velocità massima supera i 400 Km/h mentre per raggiungere i 100 Km/h bastano appena 1,69 secondi. Per toccare i 300 Km/h servono 10,6 secondi.

Il powertrain è alimentato da una batteria da 64 kWh in grado di offrire sino a 450 Km di autonomia secondo il vecchio e poco preciso ciclo NEDC. Ma i fortunati che compreranno questa hypercar certamente non baderanno tanto all’autonomia visto che i punti di forza della Owl sono ben altri. Un modello che sulla carta sarà un degno rivale della Rimac C_Two la cui produzione di pre-serie è partita da poco. Infine, si ricorda che in questa vettura c’è anche un po’ di Italia visto che viene costruita da Manifattura Automobili Torino.

No Comments

Post A Comment