Nintendo Switch Pro, nome in codice Aula: schermo OLED e supporto 4K per i rumor | Web Agency Brescia
10752
post-template-default,single,single-post,postid-10752,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Nintendo Switch Pro, nome in codice Aula: schermo OLED e supporto 4K per i rumor

Nintendo Switch Pro, nome in codice Aula: schermo OLED e supporto 4K per i rumor

Nintendo Switch Pro, nome in codice Aula: schermo OLED e supporto 4K per i rumor


Nintendo Switch Pro con ogni probabilità esiste, anche se ancora non sappiamo nulla di ufficiale, e quasi certamente non si chiamerà “Pro”, ma con qualche altra denominazione ad oggi imprevedibile. Potremmo però essere venuti a conoscenza, proprio in queste ore, del nome in codice del progetto: “Aula”.

L’indiscrezione arriva da ResetERA, dove l’utente SciresM (hacker e dataminer conosciuto e stimato all’interno della community) in una serie di post si è ampiamente sbilanciato, rivelando informazioni sulla sempre più vicina revisione dell’ibrida Nintendo. La prima riguarda lo schermo: a quanto pare una delle differenze col modello base di Switch starebbe nella presenza di un pannello OLED invece di un LCD.

Qui, però, ci permettiamo di fare alcune precisazioni. Sebbene riteniamo possibile che Nintendo intervenga proprio sulla qualità dello schermo per differenziare il nuovo prodotto, e anzi molto probabile considerando che quello di Switch non fa gridare al miracolo, bisogna però tenere conto che a parità di risoluzione uno schermo OLED rispetto a quello attuale avrebbe una densità di pixel inferiore.

Nintendo ci ha abituato, è vero, a lanciare versioni più costose delle proprie console portatili che incredibilmente avevano un display più sgranato di quella originale, aumentando la diagonale dello schermo ma conservandone però la risoluzione originale (vedi DSi, 3DS XL, new 3DS e XL, e infine new 2DS XL). Ma in questo caso non sarebbe l’esito di un selling point immediatamente visibile, come una dimensione maggiore dello schermo, ma di un cambio di tecnologia non esattamente necessario, che andrebbe a complicare le cose in termini produttivi, e anche in ottica di riparazione del dispositivo.

In fondo, basterebbe montare un pannello LCD di qualità migliore, e magari aumentarne la risoluzione (oltre a sfinare le cornici che lo circondano, per alleggerire il design complessivo). Oppure, se OLED sarà, c’è solo da augurarsi che la risoluzione cresca di conseguenza per garantire quantomeno quella originale.

Chiusa questa doverosa parentesi, continuiamo con il leak. La caratteristica più discussa, quando si parla di Switch Pro, è sicuramente il 4K: a maggior ragione da quando sembra che Nintendo abbia invitato gli sviluppatori ad attrezzarsi in quel senso. Il SoC dovrebbe essere ancora un’evoluzione del Tegra X1 della console base, e cioè un “Mariko”: non sappiamo se il riferimento qui sia ad un ulteriore aggiornamento all’interno della stessa famiglia di chip, o se – più probabilmente – si parli precisamente dello stesso processore (Tegra X1+) montato sulle Switch arrivate a fine 2019 con autonomia migliorata.

Sempre secondo il leaker, il nuovo dock sarà potenziato di conseguenza, e monterà al suo interno un chip RealTek per gestire la risoluzione Ultra HD. Infine, la carrellata di indiscrezioni si chiude con una stima delle tempistiche, con Nintendo che sarebbe stata impegnata nello sviluppo di Switch Pro da quasi due anni. L’idea è quella di un dispositivo mid-gen, in stile PS4 Pro: speriamo sia in grado di garantire prestazioni superiori, oltre ad un possibile incremento di definizione.

Ovviamente, fino alle conferme ufficiali vi invitiamo a prendere queste informazioni con le dovute cautele. Di carne al fuoco per discutere, però, ce n’è parecchia: che ne dite di farlo assieme? Questa sera alle 21:40 saremo in diretta sul canale Twitch HDBlog, e sicuramente questi nuovi rumor saranno uno dei temi caldi.

No Comments

Post A Comment